Allarme microcriminalità tra Angri e Scafati, l’allarme della Cisl

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
anziani_panchina“L’aumento di episodi di micro delinquenza  al confine tra Scafati e Angri destano allarme sociale soprattutto tra i pensionati e le persone anziane.

Combattere contro la microcriminalità organizzata in una zona di frontiera come quella dell’Agro nocerino sarnese è compito difficile e i reati, nonostante i nostri appelli, continuano a destare preoccupazione”.

L’allarme criminalità, per l’ennesima volta,  stato lanciato da Giovanni Dell’Isola, segretario generale dei pensionati della Cisl provinciale. “In particolare sono in aumento furti in abitazione, come i casi registrati tra Bagni, via Orta Corcia e via Orta Longa. Per non parlare del calzolaio che, in pieno centro a Scafati, è stato picchiato per pochi euro”, ha spiegato Dell’Isola che ha aggiunto: “Ogni giorno i nostri iscritti ci raccontano delle gravi difficoltà che incontrano passeggiando tra le strade delle due città”.

Le forze dell’ordine svolgono il loro compito con impegno e spirito di abnegazione, ma, secondo la Cisl Fnp, per un’azione più efficace occorre un potenziamento del personale con nuovi agenti e vigili municipali. Il massimo esponente dei pensionati salernitani della Cisl, infatti, ha rivolto un altro appello alla Prefettura, al Questore e alle altre istituzioni di farsi portavoce presso il Ministero dell’Interno e il Dipartimento di Pubblica Sicurezza per l’assegnazione di altro personale elevando altresì a Comando Compagnia la Tenenza dei Carabinieri di Scafati.

Per Dell’Isola, infatti, bisogna dare vita ad una propria e vera task-force tra polizia municipale ed il resto delle forze dell’ordine a causa dell’aumento dei reati che “ha creato un forte allarme sociale e una insicurezza sempre maggiore nella cittadinanza, in particolare nelle persone anziane, che, giornalmente, subisce un attacco da parte di una micro criminalità sempre più spregiudicata ed agguerrita”.

Dell’Isola, dunque, plaude “all’impegno costante e al coraggio di tutti gli operatori della sicurezza che quotidianamente a Scafati e ad Angri cercano di fronteggiare questa situazione, spesso con mezzi e dotazioni insufficienti. Per cui è necessario adeguare gli organici e le attrezzature. Occorre rafforzare la vigilanza per assicurare maggiore sicurezza e tranquillità ai cittadini e agli anziani in particolare.

E’ inutile negare quello che accade tra Scafati e Angri nell’ultimo periodo”, ha concluso Dell’Isola. “Questi episodi sono aumentati, ma i cittadini non possono essere ostaggio di un alcuni facinorosi che attentano la nostra comunità. L’intera classe politica locale deve decidere di mettere la faccia per ribadire contrarietà assoluta alla criminalità”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.