De Luca, pm Napoli apre fascicolo senza ipotesi di reato

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
de-luca-immaginiNel fascicolo aperto dalla Procura della Repubblica di Napoli in merito all’audio con cui il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, invitava 300 sindaci a darsi da fare per il sì al referendum non sono configurate al momento ipotesi di reato.

La Procura, attraverso la sezione reati contro la Pubblica amministrazione coordinata dal procuratore aggiunto Alfonso D’Avino, ha delegato la Guardia di Finanza alla acquisizione del file audio. Nel fascicolo, il cosiddetto modello 45 nel quale confluiscono accertamenti preliminari allo scopo di valutare l’eventuale sussistenza di reati, confluirà anche l’esposto presentato ieri dal Movimento 5 Stelle nel quale si ipotizza il reato di voto di scambio nei confronti di De Luca.

Quest’ultimo ha risposto scrivendo nel suo ufficio al terzo piano della sede della giunta, in via Santa Lucia, alle 9, come ogni giorno, una dichiarazione nella quale sottolinea che “Come un anno e mezzo fa, con una puntualità cronometrica, anche oggi alla vigilia di un voto importante, viene costruita, sul nulla assoluto, una campagna di aggressione mediatica inaudita.

Si ha paura del voto in Campania, che oggi come alle Regionali, è politicamente decisivo. Allora, i promotori di quella campagna si sono coperti alla fine di vergogna e noi abbiamo camminato a testa alta. Così succederà anche oggi”.

De Luca era arrivato in Regione dopo aver letto nella sua casa di Salerno i giornali e le polemiche che lo riguardano. Ai pentastellati l’ex sindaco di Salerno ha dedicato una parte della sua replica: “A chi alza polveroni per nascondersi – afferma – riproporremo le domande scomode che cercano di evitare. Luigino Di Maio restituisca i 13mila euro al mese che percepisce e i 110mila euro di “spese elettorali”. Rispondano i Cinque Stelle sull’illegalità vera (firme false a Palermo e Bologna).

Dicano perché, da quando volevano cambiare il mondo, si sono ridotti a difendere la palude burocratica dell’Italia così com’è. Rinnovo la mia sfida a Di Maio a un dibattito pubblico, in diretta, sui temi della legalità e della trasparenza, oltre che su quelli referendari”. Nel corso della mattinata, De Luca aveva svolto i suoi normali impegni, in particolare una riunione con i dirigenti sui Lea, i livelli assistenziali essenziali, in sanità, rimanendo in continuo contatto con il suo vice, Fulvio Bonavitacola, impegnato a Roma nella conferenza Stato-Regioni.

Poco dopo le 16, il governatore ha lasciato la sede della giunta per tornare a Salerno, dove lo attendeva il sottosegretario alla presidenza del consiglio Luca Lotti, per un’iniziativa per referendum insieme a Piero De Luca, il figlio del governatore, che è coordinatore scientifico del comitato “Ragione pubblica” per il Sì. In Antimafia, intanto, si attendono gli eventuali sviluppi che scaturiranno dal lavoro che la Procura intenderà compiere.

“Penso che una risposta arriverà presto”, dice la presidente della commissione, Rosy Bindi. Secondo il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, “il monologo” di De Luca “istiga in modo assolutamente palese al voto di scambio”.

Per Renato Brunetta, capogruppo Fi alla Camera, “Renzi gioca a fare l’anticasta e poi difende De Luca” mentre Roberto Speranza, leader della corrente di Sinistra riformista del Pd sottolinea che “quando sento accostato il nome di De Luca alla parola antimafia si commette un errore ma da parte sua c’è un atteggiamento di incontinenza verbale sinceramente indifendibile”.

Infine il ministro della Giustizia Andrea Orlando: “La commissione se ha ritenuto quel passo da fare lo faccia, ma non mi pare che sia una questione fondamentale. Questa polemica va affrontata credo prevalentemente sul terreno della politica non credo che il profilo giudiziario sia quello con il quale misurare questo tipo di vicenda”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Cosi la Magistratura italiana butta i soldi, aprendo i fascicoli senza l’ipotesi di reato e sul nulla…è la stessa Magistratura doveva lavorava Giggino De Sospesiis, l’unica persona in Italia in grado di farsi cacciare dalla Magistratura, sospeso da sindaco e non si è dimesso, ah dimenticavo il suo modo di fare molto elegante e signorile quando diceva in pubblico “Renzi ci ha scassat ò c…o”, uno di quelli che esce con la bandana arancione in Italia, uno di quelli che un giorno stà con Italia dei valori, un altro con i radical chic e un altro ancora con gli squadristi grillini, proprio uno di quelli che accusava De Luca di essere passato da Bersani a Renzi, oh più predicano e più razzolano male

  2. Siamo tornati ai tempi della vecchia DC….Partecipate, Cene e abbuffate…..e nel frattempo il debito pubblico aumenta a dismisura, il problema è che allora avevamo una nostra moneta ora no….Bravi….Viva la pagnotta!!!!!
    E visto che ci stiamo ritrovando con la vecchia mentalità politica clientelare, a questo punto, anche la costituzione va bene cosi com’è….
    IO VOTO NO!!!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.