Salerno dà l’ultimo saluto a Lino Trezza: «Non è un addio…»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
lino-trezza-foto-porto“Questo non è un addio ma un arrivederci”. E’ uno dei tanti messaggi su facebook per Lino Trezza il 34enne portuale morto in un incidente di lavoro al Porto di Salerno. Questa mattina in tanti hanno preso parte ai funerali che si sono svolti a Pellezzano nella chiesa di Sant’Anna. La famiglia, amici, parenti e tanti operatori portuali che si sono stretti accanto a Lino. Anche il porto di Salerno ha dato,a  suo modo l’ultimo saluto al 34enne (video di Maria Massa su facebook)

 

 

funerali-lino-trezzaLino verrà ricordato anche dai tifosi della Salernitana lunedì sera nel corso di Salernitana – Pro Vercelli.  Nel frattempo va avanti l’inchiesta sulle cause della morte dell’operaio che amava il canto e la famiglia.

L’autopsia avrebbe escluso l’ipotesi del malore quale causa dell’incidente sul lavoro.  Intanto salgono da otto a quindici gli iscritti sul registro degli indagati. Il sostituto procuratore Penna ha aggiunto altri sette nomi, quelli (in pratica) di tutte le persone che martedì intorno alle 22, erano in servizio al porto. Ora si attende l’esito della super perizia dell’ingegnere Gerardo Mirabelli per accertare precise responsabilità e stabilire se, in quella circostanza, erano state adottate tutte le misure per garantire la sicurezza dei lavoratori impegnati nella movimentazioni dei containers.




Trezza, martedì sera, era alla guida di un master tug (un muletto molto più grande utilizzato per trasferire i container dalla banchina alla stiva) per la cui conduzione è necessario essere in possesso di una patente speciale, titolo detenuto dall’operatore e stava caricando i container su una nave quando qualcosa è andato storto. Il master tug, per cause che sono ancora in via d’accertamento, mentre portava all’interno della stiva due container contenenti 30 tonnellate di marmo ciascuno, ha preso velocità. E la sua corsa si è fermata contro altri container. L’urto è stato tremendo e la cabina di guida si è accartocciata.

Il perito, nominato dal pm, l’ingegnere Gerardo Mirabelli, assieme al pool di legali  ha, tra le altre cose, come scrive La Città oggi in edicola effettuato la pesatura dei 5 container coinvolti nell’incidente: i 2 trasportati e i 3 contro i quali è andato a sbattere violentemente il master tug. Proprio la verifica del peso avrebbe evidenziato come il carico dichiarato non sarebbe stato corrispondente a quello effettivo sempre stando alle notizie pubblicate sul quotidiano La Città in data 26 novembre 2016.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.