Tenta di uccidere tre stranieri, arrestato il 20enne Ciro Imoletti

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
polizia_falchiNella serata di ieri la Polizia di Stato, in esecuzione della misura cautelare emessa dal giudice per le indagini preliminari di Salerno, dott.ssa Elisabetta BOCCASSINI, su richiesta del sostituto procuratore dott. Diego CAPECE MINUTOLO,  ha arrestato  IMOLETTI Ciro, ventenne residente a Salerno, per i reati di lesioni gravi e tentato omicidio in danno di tre cittadini extracomunitari. Per il medesimo reato, gli investigatori della Squadra Mobile,  nei giorni precedenti,  hanno tratto in arresto anche i complici di IMOLETTI , rispettivamente LEO Gianluca e MANCINI Marco, entrambi trentaduenni originari di Salerno.




Le indagini della Sezione Falchi hanno preso il via in seguito all’aggressione patita da tre cittadini extracomunitari sul lungomare di Salerno alla fine del mese di giugno.  In quella circostanza, le vittime, domiciliate presso il centro S.P.A.R. (Sistema Richiedenti Asilo e Rifugiati), venivano avvicinate ed accerchiate da IMOLETTI e da i suoi complici all’altezza della Camera di Commercio di Salerno.

Dapprima aggrediti verbalmente perché riferissero ove si trovasse un loro connazionale, tale “BOB”, autore, secondo quanto riferito da IMOLETTI ed i suoi complici, di un’aggressione fisica ad alcuni cittadini italiani;  successivamente gli stessi venivano colpiti al volto e feriti con un coltello nonché, ad uno di essi, veniva  inferto un colpo in testa con un oggetto a punta, tale da provocare una grave ferita alla testa, con fuoriuscita di materia cerebrale,  che ha richiesto poi un delicato intervento chirurgico al fine di scongiurare il pericolo di vita.

Gli investigatori della Polizia di Stato intervenuti sul luogo dell’evento, si ponevano immediatamente sulle tracce degli aggressori, riuscendo ad individuarli  e fornendo all’Autorità giudiziaria un panorama indiziario così grave da poter  supportare  l’emissione dei provvedimenti restrittivi della libertà personale per i tre individui. Per l’inaudita violenza usata nei suoi confronti e per le gravi ferite riportate, una delle vittime necessita tuttora di cure mediche e di ulteriori interventi  per recuperare la piena funzionalità del linguaggio.

COMUNICATO UFFICIALE QUESTURA SALERNO

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. Ovviamente nessun buona/o Uomo o donna timorato figlio/a di Dio e del “Patria Nostra, dentro noi fuori gli altri” commenta questa vicenda come un’atto di giustizia dovuta o fa una considerazione sulla violenza cieca che i giovani Salernitani arrivano ad esercere.

  2. Ma come non escono commenti del tipo: sono bravi ragazzi etc?
    Inoltre viene messa in scena la solita palla dell’aggressione subita…
    Mettete sta gente rinchiusa nella fogna e buttate via le chiavi, salernitani o no meritano anche di peggio!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.