Salerno: ‘non tirare così il cane’, Poliziotto aggredito dopo rimprovero

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
10
Stampa
Polizia_notte_lampeggiantiLa sua ‘colpa’ è stata quella di rimproverare un giovane che stava trascinando brutalmente un cucciolo di cane. Un Agente di Polizia è stato prima insultato e poi aggredito con un pugno alla nuca che lo ha costretto a rivolgersi ai medici dell’Ospedale Ruggi. Il poliziotto, così come riporta il quotidiano La Città, si trovava a transitare a bordo di una Volante in Via Arce quando si era fermato in una farmacia per acquistare un medicinale che lenisse il mal di stomaco.




Nella circostanza l’Agente ha notato transitare un ragazzo che con modi violenti tirava al guinzaglio un cucciolo di cane. Il senso del dovere ha portato il Poliziotto ha redarguire il giovane che di tutta risposta ha iniziato ad insultare l’Agente. Da qui la richiesta di esibire i documenti ma tanto è bastato per scatenare l’ira del padre e della sorella che sopraggiunti hanno accerchiato l’Agente ed il collega. Sarebbe stata la sorella del ragazzo a colpire cin un pugno alla nuca il Poliziotto. I tre sono stati successivamente identificati in attesa di capire quali provvedimenti assurgere nei loro confronti.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

10 COMMENTI

  1. carcere..non ci va chi ammazza le persone…. bisognava solo lasciarli a terra tutti e tre e toglierci il cane….
    Ma poi il poliziotto finiva nei guai
    Questa è la giustizia in Italia.
    La giustizia va riformata perché è uno schifo

  2. non mi spiego i modi poco signorili e irrispettosi della divisa. Ma colpito il collega, io….. pistola estratta, colpo in canna e…..INGINOCCHIATEVI, E PISCIATEVI SOTTO….STRUNZ….

    Onore alle forze dell’ordine.

  3. Salerno centro. Quando si ammetterà che a Salerno i cafoni non sono la minima percentuale che si vorrebbe far credere ma forse la metà e oltre della popolazione? Basta guardarsi intorno, rifiuti ovunque, prepotenze e abusi di potere dappertutto, classe politica e dirigente degna di una provincia russa. I migliori giovani di Salerno sono partiti, chi per studiare e fare carriera e chi per lavorare sodo. Ad essere rimasti sono i disgraziati che non hanno la forza o il coraggio di andarsene, il popolino che sguazza in cafoneria e delinquenza materiale e morale, quelli che mangiano tutto e infine quelli che credono davvero di vivere in Europa, a Tokyo o chissà dove. E questi ultimi sono forse i peggiori. Salerno, povertà nell’animo,nessuna speranza.

  4. cos e pazz… resistenza, oltraggio, aggressione e lesione a pubblico ufficiale… che provvedimenti devi assurgere? i lavori socialmente utili per tutti e tre i componenti di questa pseudo famiglia… ma siamo in Italia quindi non si assurgerà proprio un bel niente ….

  5. 17:00

    Vero, il problema non sono i cervelli che emigrano, ma i coglioni che rimangono.

    Vedo che sei ancora qua.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.