Black Friday, il commercio che ammicca in un mercato che cambia (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
tony-arditoIl Black Friday, fenomeno  commerciale from USA cresciuto negli ultimi anni in modo esponenziale, piace molto anche agli italiani. Inizialmente In America erano soprattutto i centri commerciali ed  i megastore i luoghi nei quali si concentrava lo sterminato popolo alla ricerca della occasione da non perdere; oggi, invece, il protagonista è divenuta la rete. Pure in Italia le offerte più interessanti si trovano sui siti di e-commerce quali Ebay o Amazon e talvolta su quelli dei marchi più in voga.

Allo scopo di rendere più accattivante la proposta della edizione 2016 del  Black Friday, siti online e negozi, lì come qui ed altrove, hanno prolungato la iniziativa ad una Black  Week, così lo scorso fine settimana è divenuto il weekend della caccia all’affare.

Se i numeri registrati in Italia per il Black Friday – ovvero il solo venerdì – sono da record, negli Stati Uniti fanno sbalordire. La sorpresa, manco a dirlo, viene dal web; stimato un giro d’affari che per la prima volta nella storia ha superato la cifra record di 3 miliardi di dollari, facendo registrare un aumento dell’11,4% rispetto all’anno precedente. Gli acquirenti online si sono concentrati in particolare su prodotti di tecnologia mobile: il 40% degli acquisti ha riguardato smartphone (29%) e tablet (11%); mentre i negozi riportano una piccola flessione: tra il 3% e il 4%.

Quello che emerge non è tuttavia, almeno per noi, un dato da ritenersi del tutto incoraggiante. Come già evidenziato in una precedente riflessione riferita proprio al fenomeno dell’e-commerce, se è vero che il web ha preso il sopravvento ed ha accorciato la filiera – ragione per la quale molte aziende, come gli acquirenti, trovano sempre più conveniente incontrarsi online – è altrettanto vero che tale tendenza comporta uno stravolgimento del mercato ed una forte ripercussione sulla sua forza lavoro, in particolare per quanto concerne il terziario. Sono tanti infatti i negozi che, pure al fine di contenere il continuo lievitare dei costi di gestione, hanno purtroppo sacrificato uno o più dipendenti e deciso tra l’altro di allestire una vetrina virtuale mediante cui proporsi anche attraverso il proprio sito, ma continuando a tutelare e preservare, per fortuna, quel sacrosanto approccio diretto e personale con il cliente.

Ormai la cosa è chiara: quando il cliente, cibernauta o non, decide di affrontare una spesa voluttuaria (intendo quelle non strettamente necessarie e legate al quotidiano), l’obiettivo è il risparmio e l’affare. Ed allora si parte alla ricerca degli sconti online, o ci si arma per una gita fuori porta verso l’outlet o il centro commerciale più vicino. La parola d’ordine è accaparrarsi il prodotto desiderato al miglior prezzo possibile, sovente con buona pace del commercio tradizionale.

 

editoriale a cura di Tony Ardito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.