Spogliatoio ad alta tensione ancor prima delle dimisioni di Sannino

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
salernitana-ternana-2016-46-esultanzaPiù che le frasi pronunciate in tribuna stampa Sannino dovrebbe spiegare le ragioni del clima di alta tensione che si è sempre registrato nello spogliatoio granata.Che ci fossero musi lunghi lo si sapeva così come è ovvio che in campo vanno 11 giocatori e gli altri restano scontenti. Quello che non è stato fatto in modo efficace è un lavoro di recupero e sostegno da parte del mister per quei calciatori finiti ai margini e scomparsi nel nulla. Tra questi Laverone e Caccavallo ma anche Franco e Mantovani. Ancor prima era accaduto a Schiavi e Ronaldo e Zito.




Ieri, prima delle dimissioni arrivate in serata del mister, le fibrillazioni del gruppo a mezzo social. Comincia Caccavallo che posta una foto su Instagram con la frase: «La calma è la virtù dei forti».  Commenta Luigi Vitale che attiva una discussione con il compagno:  («Giocherai quando lo dico io») e risponde l’ala («Cioè mai? Se fosse per te sarei quello inamovibile»).

La montagna di emoticon rende tutto più goliardico, ma ci pensa Lorenzo Laverone a far tornare tutti seri. Posta un’immagine che lo ritrae con la maglietta della Salernitana, con la scritta «ognuno ha una storia da rispettare…». Chiaro riferimento alle parole che si è lasciato sfuggire Sannino al termine della gara con la Pro. Ed ancora Laverone, 145 partite in serie B non è l’ultimo arrivato. Impiegato contro il Benevento nei 4 minuti finali del derby di lui, dopo le prime partite si sono perse le tracce.  Lunedì la definitiva bocciatura: con la Pro non è andato neppure in panchina.

Il commento di Laverone ha ottenuto moltissimi ‘Mi piace’. Tra questi quelli dei compagni di squadra: Tuia, Busellato, Luiz Felipe, Della Rocca, Schiavi e Joao Silva.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Adesso svegliatevi. L’allenatore se n’è andato ma in campo scendono i calciatori. Gli alibi sono finiti. 18 punti in 16 partite sono la sconfortante prosecuzione dello scorso campionato. L’invito, a gennaio, è quello di seguire l’allenatore dimissionario per chi non si sente all’altezza. E ad oggi a mio umile avviso almeno mezza squadra non è idonea.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.