Spogliatoio ad alta tensione ancor prima delle dimisioni di Sannino

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
salernitana-ternana-2016-46-esultanzaPiù che le frasi pronunciate in tribuna stampa Sannino dovrebbe spiegare le ragioni del clima di alta tensione che si è sempre registrato nello spogliatoio granata.Che ci fossero musi lunghi lo si sapeva così come è ovvio che in campo vanno 11 giocatori e gli altri restano scontenti. Quello che non è stato fatto in modo efficace è un lavoro di recupero e sostegno da parte del mister per quei calciatori finiti ai margini e scomparsi nel nulla. Tra questi Laverone e Caccavallo ma anche Franco e Mantovani. Ancor prima era accaduto a Schiavi e Ronaldo e Zito.




Ieri, prima delle dimissioni arrivate in serata del mister, le fibrillazioni del gruppo a mezzo social. Comincia Caccavallo che posta una foto su Instagram con la frase: «La calma è la virtù dei forti».  Commenta Luigi Vitale che attiva una discussione con il compagno:  («Giocherai quando lo dico io») e risponde l’ala («Cioè mai? Se fosse per te sarei quello inamovibile»).

La montagna di emoticon rende tutto più goliardico, ma ci pensa Lorenzo Laverone a far tornare tutti seri. Posta un’immagine che lo ritrae con la maglietta della Salernitana, con la scritta «ognuno ha una storia da rispettare…». Chiaro riferimento alle parole che si è lasciato sfuggire Sannino al termine della gara con la Pro. Ed ancora Laverone, 145 partite in serie B non è l’ultimo arrivato. Impiegato contro il Benevento nei 4 minuti finali del derby di lui, dopo le prime partite si sono perse le tracce.  Lunedì la definitiva bocciatura: con la Pro non è andato neppure in panchina.

Il commento di Laverone ha ottenuto moltissimi ‘Mi piace’. Tra questi quelli dei compagni di squadra: Tuia, Busellato, Luiz Felipe, Della Rocca, Schiavi e Joao Silva.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Adesso svegliatevi. L’allenatore se n’è andato ma in campo scendono i calciatori. Gli alibi sono finiti. 18 punti in 16 partite sono la sconfortante prosecuzione dello scorso campionato. L’invito, a gennaio, è quello di seguire l’allenatore dimissionario per chi non si sente all’altezza. E ad oggi a mio umile avviso almeno mezza squadra non è idonea.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.