Morte Boss Cerimonie, Verdi: Assurdo che il Comune esalti persona legata con la camorra 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
il_boss_delle_cerimonie“Speriamo che, dopo i funerali, cali il sipario sul patròn de La Sonrisa, che tutti chiamano don Antonio, perché in queste ore, presi dalla voglia di celebrare un volto noto della tv trash, ci si è dimenticati di avere a che fare con una persona che ha avuto legami con la camorra di Cutolo per cui è stato anche condannato per concorso esterno in associazione mafiosa”.

Lo ha detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, che, stamattina, nel corso de La radiazza di Gianni Simioli, ha avuto anche un litigio con Anna Lucia, una delle organizzatrici di matrimoni a La Sonrisa, che continuava a negare i precedenti di Polese e le condanne per abuso edilizio che hanno colpito la moglie e il fratello di don Antonio che, invece, su questo non ha avuto problemi perché non risultava proprietario del “castello” di Sant’Antonio Abate.

“Pieno rispetto per la morte, ma non bisogna essere ipocriti, dimenticando ciò che si è fatto in vita” ha aggiunto Borrelli che, dopo la condanna per abusivismo, aveva chiesto al Comune di Sant’Antonio Abate “di acquisire al patrimonio comunale la struttura, così come richiesto dal Tribunale, e poi valutare se gestire, in qualche modo, l’immobile per fini sociali o se abbatterlo per creare un grande spazio verde che possa diventare un simbolo contro l’abusivismo”.

Per Borrelli “sulle agiografie di queste ore che hanno fatto dimenticare i rapporti con la camorra di Polese, molto ha influito anche la scelta di Realtime, l’emittente che ha trasmesso, per anni, Il boss delle cerimonie, di puntare su un personaggio non proprio cristallino, facendolo diventare un beniamino del pubblico televisivo oltre a propagandare un’immagine non reale di Napoli e dei napoletani”.

“Lasciano perplessi poi le parole del Sindaco di Sant’Antonio Abate che ha espresso il suo cordoglio alla famiglia di un imprenditore che ha costruito la sua immagine a Sant’Antonio Abate e l’ha esportata dappertutto, valorizzando anche le ricchezze della sua città” ha aggiunto Borrelli per il quale “in questo modo il primo cittadino ha contribuito ad alimentare il “mito” di una persona che ha avuto rapporti con la camorra oltre a esaltare un’attività che, stando alle sentenze dei giudici, è stata costruita con abusi edilizi e che lo stesso Comune che amministra dovrà prendere possesso”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.