Nuova Salernitana, vecchi problemi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
bari_salernitana23A Bollini non è bastata nemmeno la cabala. Degli 11 allenatori transitati per Salerno nella gestione Lotito-Mezzaroma, solo a lui e Galderisi è toccata l’onta di esordire con una sconfitta. Eppure la squadra granata vista all’opera al San Nicola, schierata per la prima volta in stagione col 4-3-3 (uno dei pochi moduli non sperimentati da Sannino nelle 16 partite della sua avventura sulla panchina del club dell’ippocampo), non è dispiaciuta e, anzi, per larghi tratti si è addirittura fatta preferire ai padroni di casa per la qualità del gioco espresso. Con un Rosina finalmente utilizzato nel ruolo in cui in carriera ha fatto vedere le cose migliori, la Salernitana dalla cintola in su è risultata imprevedibile. Solo per questione di centimetri il mancino granata non è riuscito a regalare il vantaggio ai suoi.




Coda e Improta si sono dannati l’anima ma non sono stati particolarmente incisivi, come pure Donnarumma quando è stato chiamato in causa nella ripresa. A centrocampo, Ronaldo (che pure dovrebbe essere agevolato dal cambio di modulo) ha fatto un passo indietro rispetto a Latina, mentre Della Rocca e Busellato sembrano obiettivamente in affanno, nella ripresa Zito ci ha messo tanta voglia ma poca lucidità. Obiettivamente, con Odjer fermo ai box quasi per tutto dicembre, la sensazione è che in mediana urgano rinforzi da reperire al mercato di gennaio, visto che anche numericamente il reparto sembra sguarnito (a meno che non si vogliano sperimentare nuove soluzioni, come quella di utilizzare Improta da interno di centrocampo, per liberare un posto nel tridente per Donnarumma o Caccavallo).

In difesa, invece, Bollini spera di recuperare Vitale per Frosinone, visto che Luiz Felipe (adattato a sinistra) ha incontrato parecchie difficoltà (anche Perico non è andato benissimo da terzino). A Bari la Salernitana ha incassato le reti numero 6 e numero 7 sugli sviluppi di calci piazzati e questo testimonia un errore di approccio in questa situazione di gioco che nel calcio moderno sta acquisendo rilevanza sempre maggiore. Motivo per cui è facile immaginare che in settimana si lavorerà molto su piazzamento, marcature, attenzione, così come mister Bollini cercherà di inculcare i principi del suo credo alla truppa anche in termini offensivi. Al Mary Rosy, insomma, dopo 17 turni c’è ancora il cartello “work in progress”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.