Porto: Amatruda, non serve la proroga sulla fusione ma una strategia sull’autonomia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
grimaldi-porto-salerno“Pietro Spirito si è insediato a Napoli, alla guida della Autorità portuale che governerà lo scalo di Napoli e quello di Salerno. Le prime dichiarazioni non rassicurano. Il tema è diventato solo quello dei ritardi di Napoli. Non c’è da agitare lo spauracchio del Napolicentrismo, serve una riflessione sulla strategia, sul nuovo modello di governance e sulla autonomia gestionale di Salerno”.

Cosi in una nota Gaetano Amatruda, vice coordinatore provinciale di Forza Italia Salerno.

“La sfida della portualità non può essere giocata nel territorio salernitano ma nella logica del Sud del Paese, per essere competitivi, soprattutto nel Mediterraneo. E’necessario unire le forze. Salerno – sottolinea –  non deve temere una Autorità unica ma deve individuare e poi ottenere le necessarie garanzie. Perché avvenga è necessario accendere un riflettore”.

“Salerno deve giocare la partita della competitività, è necessario però che non finisca nelle sabbie mobili di Napoli. La discussione sulla proroga della fusione è aria fritta e non avrà senso rinviare il problema. Serve capire quali possono essere le garanzie da mettere in campo affinché chi ha capacità di programmazione e di spesa venga tutelato. In queste giorni bisognerà tenere alta la guardia, ci sono i margini per intervenire” conclude Amatruda.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. In Campania il porto più efficiente dell’intera regione, viene gestito dal porto più sprecone e ritardatario di sempre. Che bello. Solitamente chi lavora bene dovrebbe aiutare e guidare chi lavora male. Se in tema di porto, il modello Napoli=demotivazione vi piace così tanto, esportatelo anche ai porti di Genova e Livorno. Ma per favore non a Salerno. Accettiamo lezioni solo da popolazioni più efficienti delle nostre. A questo punto ci manca solo che Napoli venga a insegnare ai salernitani come fare la differenziata, come evitare le rapine e come stare alla guida dell’auto. Chi produce efficienza governa… chi produce sprechi e ritardi… deve tornare tra i banchi di scuola. L’Italia è una repubblica politicante e assistenziale, mentre dovrebbe essere una repubblica democratica e soprattutto meritocratica. La demotivazione collettiva che ha bruciato le terre infuocate di Napoli e Caserta, presto contagerà anche i pochi comparti sani della Campania, quelli che per anni ce l’hanno fatta da soli, senza l’aiuto di quei professoroni napolicentristi che hanno trasformato il golfo di Napoli nel mare più inquinato d’Europa e il porto di Napoli nel carrozzone commissariato più disastrato della regione.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.