La Procura fa appello: richiudete le Fonderie Pisano

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
fonderie-pisano-protesta-tetti-2Altro capitolo della lunga e tormentata storia delle Fonderie Pisano. La Procura sta lavorando alla stesura dell’Appello in Cassazione dopo la riapertura concessa lunedì scorso dal Tribunale del Riesame. Un ricorso nel quale i pubblici ministeri contesterebbero molti dei punti per i quali il collegio presieduto da Gaetano Sgroia ha ritenuto di restituire totalmente la fabbrica agli imprenditori Pisano. Il ricorso si fonda sugli odori molesti che il Riesame ha giudicato di “normale tollerabilità” nonostante secondo i sostituti procuratori- siano da disturbo per i residenti della zona.




“Normale tollerabilità” che il giudice delle indagini preliminari Stefano Berni Canani ha ritenuto palesemente superata dalle emissioni della fabbrica di via Dei Greci, e che invece per il Riesame non basta per mettere in discussione il dato oggettivo degli ultimi rilievi Arpac, secondo cui il livello di inquinamento è contenuto entro i limiti imposti da leggi e autorizzazioni. Tanto più – si legge nel provvedimento firmato dai giudici Sgroia, Rulli e Zarone –  che alcune segnalazioni dei residenti su fumi e odori nauseabondi non hanno trovato riscontro nelle verifiche della polizia giudiziaria.

Per il Tribunale, inoltre – si legge sul quotidiano La Città oggi in edicola -,  «il reato di getto pericoloso di cose non è configurabile nel caso in cui le emissioni provengano da un’attività regolarmente autorizzata (…) e siano contenute nei limiti previsti dalle leggi di settore o dagli specifici provvedimenti che le riguardano». Il rispetto dei parametri implica secondo questa tesi una «presunzione di legittimità del comportamento» che è quella che i giudici attribuiscono alle Pisano.

Sarà tra l’altro su queste motivazioni che la Cassazione sarà chiamata a pronunciarsi, oltre che sulla legittimità dell’Aia (l’autorizzazione integrata ambientale emessa dalla Regione) che per gli inquirenti è frutto di un abuso d’ufficio e per il Riesame è invece elemento così controverso da non poter costituire presupposto di reato.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. Come mai i grillini non intervengono di persona facendo un sit-in dinanzi la fabbrica?? Come mai il signorino Di Maio non viene mai a Salerno?? pensa che in Campania ci sia solo la sua Napoli? La Ciarrambino quando viene a Salerno? O anche lei pensa solo agli interessi della provincia di Napoli? basta fare appelli in Parlamento, venissero di persona a constatare che area si respira, invece di chiedere le mozioni di sfiducia per la battuta, la triglia fritta e la forfora sulla giacca!!

  2. I signori giudici del riesame basta che vengono una mattina dalle 6 alle 8 anche a 2-3 km dalle fonderie e respirano: e si rendono conto se si sente oppure no l’aria irrespirabile e dannosa, senza credere all’Arpac che ha fatto i rilievi quando la puzza dei miasmi non c’è (una vera barzelletta…).
    Assurdo!!!!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.