I fatti del giorno: sabato 17 dicembre 2016

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
rassegna fatti del giornoARRESTATO RAFFAELE MARRA, BRACCIO DESTRO SINDACA ROMA RAGGI
ACQUISTO CASA CON SCONTO NON DOVUTO, RESA DEI CONTI M5S

Raffaele Marra, dirigente capitolino di lungo corso e braccio
destro della sindaca Virginia Raggi, e’ stato arrestato per
corruzione in relazione all’acquisto di una casa ”donatagli”
nel 2013 dal costruttore Sergio Scarpellini. L’indagine della
procura di Roma e’ relativa a una vicenda di un periodo in cui
Marra era dirigente sotto la giunta Alemanno, e riguarda
l’acquisto da parte della moglie di una casa di 150 metri
quadrati. Il tutto, secondo l’accusa, grazie a due assegni per
un totale di 350mila euro provenienti da un conto di
Scarpellini. E con uno sconto fino al 40% riservato agli
inquilini e non dovuto. ”Abbiamo sbagliato”, afferma la
sindaca. Beppe Grillo, al telefono con la Raggi, dice: ”Su
Marra te lo avevo detto ora rimedia”. In serata vertice dei
Cinque Stelle all’hotel Forum e via alla resa dei conti interna.
La senatrice Paola Taverna sottolinea che ”non basta chiedere
scusa”. Nel mirino la linea di Luigi Di Maio, prodigo nel
sostegno alla Raggi. Grillo prende tempo.
—.

SALA, AUTOSOSPESO FINCHE’ NON SARANNO CHIARITE ACCUSE
SALVINI, CHIAREZZA PER MILANESI. PARISI, DECISIONE ISTERICA

”Preoccupato” per la situazione in cui puo’ venirsi a trovare
la citta’. Ma ”tranquillo” in coscienza. Cosi’ dice di
sentirsi il sindaco di Milano Giuseppe Sala dopo essersi
autosospeso dall’incarico. ”Fino al momento in cui mi sara’
chiarito il quadro accusatorio ritengo di non poter esercitare i
miei compiti istituzionali”. Il leader della Lega Nord, Matteo
Salvini, dice che ”i milanesi meritano chiarezza, se Sala ha la
coscienza pulita faccia il sindaco”. L’ex sfidante alle
comunali, Stefano Parisi, parla di ”decisione isterica”. Molti
gli attestati di solidarieta’ al sindaco. Tra gli altri quello
di Romano Prodi, che ha detto di avere ”grande stima di Sala”.
—.

CONFERENZA FINE ANNO OBAMA, MOSCA HA INTERFERITO SUL VOTO
PUTIN, MOSTRI LE PROVE DI CIO’ CHE DICE ALTRIMENTI TACCIA

Nella conferenza stampa di fine anno Obama insiste: ”Mosca ha
interferito sul voto, lo dicono i fatti. E in Russia ben poco si
muove senza il consenso di Putin”. Le parole del presidente
uscente seguono quelle di Hillary Clinton: ”Quello sferrato da
Vladimir Putin durante la corsa alla Casa Bianca e’ un vero e
proprio attacco all’America, alla democrazia”. Cosi’ l’ex
candidata democratica rompe il silenzio a piu’ di un mese dalla
sua disfatta. Putin invita Obama a mostrare le prove di cio’ che
dice: ”Altrimenti taccia”, replica senza mezzi termini il
Cremlino.
—.

MEDIASET VALUTA SEQUESTRO AZIONI BISCIONE IN MANO A VIVENDI
TELECOM SPINGE SU CONTENUTI PREMIUM PER BANDA ULTRALARGA

Mediaset valuta con i legali le contromosse al blitz di Vivendi
sul proprio azionariato, a partire da una possibile richiesta di
sequestro delle azioni del Biscione in mano ai francesi. Il
gruppo guidato da Vincent Bollore’ manda il suo maggior
emissario, l’amministratore delegato Arnaud de Puyfontaine, a
incontrare il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda.
Intanto Telecom, di cui Vivendi e’ azionista di riferimento,
spinge sulla creazione dei contenuti: il board ha deliberato di
accelerare la strategia ‘quadruple play’ entrando nella
produzione di contenuti premium per la banda ultralarga.
—.

ELICOTTERI AGUSTA A INDIA: CASSAZIONE, NUOVO PROCESSO
ACCOLTO IN PARTE RICORSO DIFESA MANAGER ORSI E SPAGNOLINI

Un nuovo processo, ma con l’ombra della prescrizione,
nell’inchiesta sulle presunte tangenti per un appalto da 560
milioni di euro per la vendita di 12 elicotteri AgustaWestland
al governo indiano. La Cassazione ha disposto un appello bis
davanti alla Corte d’Appello di Milano per gli ex Ad di
Finmeccanica Giuseppe Orsi e di Agusta Bruno Spagnolini,
accogliendo in parte il ricorso della difesa dei due manager,
condannati rispettivamente a 4 anni e 6 mesi e 4 anni per
corruzione e false fatturazioni. Il sostituto pg Enrico Delehaye
nella sua requisitoria aveva evidenziato un vizio procedurale,
per ”violazione della correlazione tra imputazione e
condanna”.
—.

OBAMA, SENTO RESPONSABILITA’ E PER SIRIA FATTO IL POSSIBILE
ATTENTATO A DAMASCO, TERRORISTI USANO BAMBINA OTTO ANNI

”Mi sento sempre responsabile. Sulla Siria cio’ che ho fatto
costantemente e’ prendere la migliore possibile via per mettere
fine alla guerra civile”. Lo ha detto Barack Obama nella
conferenza stampa di fine anno alla Casa Bianca. Intanto, dopo
un solo giorno, e’ stata sospesa l’evacuazione dai quartieri est
di Aleppo fino a pochi giorni fa nelle mani degli insorti. Lo
afferma l’Onu ma non la Russia, che invece dichiara conclusa
l’operazione. A Damasco una stazione di polizia e’ stata colpita
da un attentato nel quale i terroristi hanno usato una bambina
di 8 anni, che hanno fatto saltare in aria. (Fonte ANSA).

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.