Le Cronache svela come i praticanti hanno copiato l’esame di avvocato

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
tribunale-nocera-inferioreLa prova di civile sulle successioni e un’altra prova di penale sarebbero state tra quelle più taroccate dalla sessantina di aspiranti avvocati nell’esame scritto del dicembre dello scorso anno. Interi parti copiate ed un atto giudiziario scaricato da internet per la prova della terza giornata. I commissari della corte d’Appello di Brescia, chiamati a correggere i compiti dei 800 candidati circa, provenienti dal distretto salernitano, si sono accorti delle prove scritte copiate, molte allo stesso modo da diversi esaminandi, e hanno segnalato alla Procura di Salerno quanto avevano appurato. Lo scrive il quotidiano Le Cronache oggi in edicola e il primo a dare la notizia relativa all’esame del 2015 taroccato

La sessantina di candidati delle prove del 2015, quelle corrette entro giugno di quest’anno – scrive Le Cronache – , non sarebbero, quasi tutti, tra i 210 salernitani ammessi agli orali. Evidentemente, non è stata molto fruttuosa la pratica forense fatta presso lo studio di qualche noto papà o zio avvocato, di cui ci si poteva vantare tanto. Come diceva il padre della genetica Gregor Mendel “I libri studiati dai padri non si ereditano se non sugli scaffali”. Cosi anche se il papà è un magistrato a Nocera Inferiore o se sei un sottufficiale dei carabinieri in servizio a Nocera Inferiore. Intanto, ieri si sono diffuse notizie false e cioè che le indagini riguardassero le prove scritte sostenute quest’anno, svolte poche ore fa.

Una voce diffusasi perchè diverse decine di candidati sarebbero stati riconosciuti per avere il telefonino con sé durante la prova pur se non consentito. E sarebbe proprio il telefonino “l’arma del delitto” nel caso dei compiti copiati nel 2015 all’università di Salerno. In altri concorsi, sono state svolte indagini anche abbinando i nomi dei “copiatori” ai loro posti a sedere per stabilire se i compiti da copiare siano passati di mano in mano e chi fosse presente a vigilare e quali legami avesse con i candidati.

Intanto la sessantina di compiti la procura di Salerno l’ha inviata nei giorni scorsi alla procura di Nocera Inferiore competente per Fisciano, dove ha sede l’Università di Salerno e dove si sono svolti gli esami scritti per superare l’abilitazione all’esercizio della professione forense ed essere iscritto all’ordine degli avvocati. Probabilmente, le indagini saranno affidate a un magistrato di provata esperienza anche per fugare ogni dubbio su ipotetici favori per la presenza del figlio di un collega o di un sottufficiale dell’Arma dei carabinieri

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.