Il killer di Berlino ucciso in una sparatoria con la polizia nel Milanese

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
terrorista-ucciso-a-milanoUn normale controllo di polizia, una sparatoria nella notte a Sesto San Giovanni, un morto. Il morto è Anis Amri, il killer jihadista che a Berlino lanciando un tir nel mercatino di Natale ha provocato 12 morti. Tutto comincia tra le tre e le quattro del mattino. Siamo in piazza Primo Maggio, a Sesto San Giovanni, primissimo hinterland milanese, proprio davanti alla stazione dei treni. Una macchina della polizia in turno di pattuglia passa per caso dalla piazza e nota un uomo, origini maghrebine, che cammina con uno zaino sulle spalle. Come succede spesso, decide di fare un controllo. Tutto assolutamente ordinario, tutto assolutamente casuale.

La macchina si ferma, scendono i due poliziotti che si avvicinano all’uomo, senza immaginare chi possa essere. Gli chiedono i documenti, come sempre. L’uomo si leva lo zainetto dalle spalle, lo appoggia a terra. Gli agenti si aspettano che estragga i documenti. Invece no, tira fuori una pistola, la stessa calibro 22 con cui ha ucciso l’autista polacco del Tir a Berlino, e comincia a sparare. Ferisce alla spalla l’agente Christian Movio, 36 anni, ora ricoverato a Monza. A quel punto, un altro poliziotto, Luca Scatà, un 29enne in prova al Commissariato di Sesto San Giovanni, estrae a sua volta l’arma d’ordinanza e colpisce l’uomo, a morte.

Un brutto episodio che potrebbe finire lì. Ma ci sono troppe cose che non tornano. Perché mai un balordo, sorpreso in piena notte, reagisce in una maniera tanto violenta? Tanto più che sparando, secondo alcune ricostruzioni, avrebbe pronunciato la parola simbolo dei terroristi islamici: «Allah akbar». Fosse stato uno spacciatore come i tanti che frequentano la zona non si sarebbe mai comportato in una maniera del genere. Lo zaino racconta di lui cose che allarmano subito la polizia: trovano prodotti tedeschi, non ci sono documenti. Ma gli investigatori hanno un sospetto e decidono di prendere le impronte digitali. Passano alcune ore e arriva la conferma: si tratta del killer di Berlino.

Dagli accertamenti della Digos, coordinati dal capo dell’antiterrorismo milanese Alberto Nobili, emerge che Anis Amri è arrivato in Italia dalla Francia, in particolare da Chambery, in Savoia, da dove ha raggiunto Torino. Dal capoluogo piemontese ha preso poi un treno per Milano dove è arrivato attorno al’una di notte. Infine dalla Stazione Centrale si è spostato a Sesto san Giovanni dove ha incrociato i due agenti della volante che poi, durante una sparatoria, lo hanno ucciso.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. e stato un grande il poliziotto speriamo che adesso qualche perbenista comunista non dica e eccesso colposo questa e la dimostrazione che l’italia e piena di delinquenti quindi basta non bisogna far entrare più nessuno tutti ai loro paesi

  2. V, quale sarebbe ? cosa?
    forse il tunisino si è messo per terra e si è fatto sparare con i coppetielli di carta e poi hanno dato la notizia al mondo?
    o ti spieghi meglio oppure sembra una grande str..ta il tuo commento

  3. Io, senza documento, difficilmente riesco a fare un piccolo tratto senza essere fermato.
    Un magrebino ricercato in tutto il mondo riesce a fare Berlino-Sesto San Giovanni con i documenti dimenticati sul luogo della strage appena compiuta.
    A questo punto tre sono le ipotesi:
    1- Questi criminali sono di un’astuzia fuori dal comune.
    2- Le “Intelligence” di tutto l’Occidente sono delle vere e proprie “Ignorance”
    3- Ci stanno prendendo tutti per il culo.
    Non so voi, ma io un’idea me la son fatta.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.