I fatti del giorno: giovedì 29 dicembre 2016

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
rassegna fatti del giornoCROLLA PALAZZINA AD ACILIA, MUOIONO MADRE E FIGLIA NOVE ANNI
FORSE FUGA DI GAS. RAGGI, PAROLE NON DESCRIVONO DOLORE

E’ stata probabilmente una fuga di gas a far crollare una
palazzina di due piani abitata da una intera famiglia ad Acilia,
borgata alla periferia sud di Roma. Sotto le macerie sono morte
madre e figlia di nove anni, Debora e Aurora, estratte in serata
dopo nove ore di lavoro ininterrotto dei vigili del fuoco. ”E’
impossibile”, l’urlo di disperazione dei parenti, assistiti da
psicologi e personale della Croce Rossa. ”Le parole non
riescono a descrivere questo immenso dolore” il commento della
sindaca di Roma, Virginia Raggi, che nel pomeriggio ha fatto
visita sul luogo della tragedia.
—.

ATTENTATO BERLINO, ARRESTATO IN GERMANIA TUNISINO 40 ANNI
POTREBBE ESSERE COINVOLTO, SUO NUMERO SU CELLULARE AMRI

Nove giorni dopo l’attacco al mercatino di Natale di Berlino la
polizia tedesca ha arrestato nella capitale un tunisino di 40
anni che ”potrebbe essere coinvolto nell’attentato”. L’uomo
vive a Berlino, ha reso noto la procura generale di Karlsruhe.
Il suo numero di telefono era stato salvato sul cellulare di
Amri, smarrito dall’attentatore durante l’attacco e ritrovato
dagli investigatori poco lontano dal tir. Intanto la Procura di
Roma ha disposto tre perquisizioni nell’ambito dell’inchiesta
sull’attentato, due delle quali in particolare in abitazioni di
Aprilia, in provincia di Latina. In queste due case Anis Amri
sarebbe stato ospite lo scorso anno.
—.

KERRY, SOLUZIONE DUE STATI PER CONFLITTO ISRAELO-PALESTINESE
ATTACCA NETANYAHU. OBAMA CHIAMA TRUMP, TRANSIZIONE EFFICACE

La soluzione a due Stati e’ ”l’unica strada percorribile” per
il conflitto israelo-palestinese, ”non ci sono alternative”.
Ma e’ ”in pericolo”, anche a causa delle colonie che Israele
insiste a costruire in Cisgiordania e a Gerusalemme est. John
Kerry respinge le critiche dello Stato ebraico agli Stati Uniti
sul voto all’Onu e attacca il premier Benyamin Netanyahu,
riaprendo lo scontro anche con Donald Trump. Quest’ultimo invita
Israele a ”resistere” perche’ ”il 20 gennaio si sta
avvicinando rapidamente”. In serata il presidente Barack Obama
ha chiamato il presidente eletto, Donald Trump. La conversazione
si e’ concentrata sulla necessità di ”continuare una
transizione senza problemi ed efficace”.
—.

GERMANIA PRENDE ANCORA DI MIRA INTERVENTO ITALIA PER MPS
MINISTERO FINANZE CHIEDE A BCE E COMMISSIONE RISPETTO REGOLE

La Germania torna a prendere di mira l’intervento dello Stato
per Mps. Il ministero delle Finanze tedesco ha chiesto a Bce e
Commissione europea di assicurare che le autorita’ italiane
rispettino le regole. La presa di posizione di Berlino arriva
nei giorni in cui Monte Paschi comincia a scrivere il nuovo
piano industriale. I tempi sono contingentati: Siena potrebbe
confezionarlo entro la fine di gennaio, per poi avviare il
confronto con il Governo. La Commissione europea dovra’
riceverlo entro la fine di febbraio. Intanto emergono i dettagli
del fallimento del piano di salvataggio di Montepaschi ‘sul
mercato’. Decisivo il passo indietro del fondo sovrano del Qatar
a meta’ dicembre. Se la Germania tiene un atteggiamento rigido,
Standard & Poor’s ‘promuove’ il decreto per Monte Paschi.
—.

CAPO SINDACATO AMBULANTI EGIZIANI, HO DENUNCIATO REGENI
MOHAMED ABDALLAH, SPEDITA A INTERNI TELEFONATA 22 GENNAIO

”Si’, l’ho denunciato e l’ho consegnato agli Interni e ogni
buon egiziano, al mio posto, avrebbe fatto lo stesso”: e’
quanto ha dichiarato all’edizione araba dell’Huffington Post
Mohamed Abdallah, il capo del sindacato autonomo degli
ambulanti, riferendosi a Giulio Regeni. Le sue dichiarazioni
sono riprese dall’Espresso online. ”Io e Giulio ci siamo
incontrati in tutto sei volte – dice Abdallah -. Era un ragazzo
straniero che faceva domande strane e stava con gli ambulanti
per le strade, interrogandoli su questioni che riguardano la
sicurezza nazionale. L’ultima volta che l’ho sentito al telefono
e’ stato il 22 gennaio, ho registrato la chiamata e l’ho spedita
agli Interni”.
—.

ADDIO DEBBIE REYNOLDS, MADRE CARRIE FISHER MORTA MARTEDI’
ATTRICE AVEVA 84 ANNI, NEL ’52 STAR ‘SINGIN’ IN THE RAIN’

E’ morta ieri a 84 anni l’attrice Debbie Reynolds, protagonista
nel 1952 di ‘Singin’ in the Rain’ e madre di Carrie Fisher, la
”principessa Leila” della serie Star Wars scomparsa martedi’
scorso. La notizia della morte di Debbie Reynolds e’ stata data
dal figlio Todd Fisher. ”Ora e’ con Carrie e noi abbiamo il
cuore distrutto” ha aggiunto Fisher al Cedars-Sinai Medical
Center, dove sua madre era stata trasportata in ambulanza ieri.
Lo stress per la morte della figlia ”era stato troppo forte”
ha detto ancora Fisher. (Fonte ANSA).

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.