Bomba a Firenze, poliziotto salernitano perde mano e occhio

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
mario-veceSi chiama Mario Vece, ha 39 anni, è sposato e vive ad Altopascio ma è originario del salernitano. Chi ha messo la bomba a Firenze alla libreria Il Bargello lo ha quasi ucciso e avrebbe potuto ammazzare altre persone. Non bastava l’Islam, adesso ci si mette anche il rigurgito dell’estrema sinistra.

Mario Vece è una persona stimata da tutti coloro che la conoscono. Appassionato di moto e harlista, è arrivato dalla Campania e ha girato in lungo e in largo la Toscana finendo per fernarsi ad Altopascio con la famiglia dopo essere stato anche a Pistoia.

La famiglia di origine del poliziotto Mario Vece, rimasto ferito in seguito all’esplosione a Firenze nei pressi del negozio «Il Bargello» in via Leonardo da Vinci, è di Acerno. Ad Acerno abitano i genitori del sovrintendente, in servizio al Nucleo artificieri della questura di Firenze, partiti subito dopo aver saputo dell’accaduto, e altri familiari.

Mario Vece dopo essersi diplomato all’istituto tecnico commerciale “Focaccia” di Salerno, nel 1997 si era arruolato in polizia. Da quel momento è cominciata una lunga carriera piena di traguardi e soddisfazioni. Poi il brevetto di artificiere e la sede di firenze. Fino a ieri quando un maledetto ordigno ha interrotto la quiete del giorno di Capodanno.

L’agente, ricoverato all’ospedale di Careggi, è stato sottoposto a intervento chirurgico. Non è in pericolo di vita, ma ha perso un occhio e gli è stata amputata la mano sinistra. Sono una decina le perquisizioni eseguite ieri dagli uomini della Digos nell’ambiente degli anarco-insurrezionalisti, non solo a Firenze ma anche in altri centri della Toscana.

Ci sono pochi dubbi sulla matrice politica dell’attentato, l’obiettivo scelto dagli attentatori e le caratteristiche dell’ordigno hanno già indirizzato gli investigatori. Anche se, al momento, non è arrivata alcuna rivendicazione, la matrice politica sembra certa. Adesso si esaminano le immagini delle telecamere della zona vicina al centro, nella speranza che possano fornire elementi utili alle indagini.

“Solidarietà e vicinanza al nostro agente di polizia rimasto gravemente ferito a Firenze. Un esempio per tutti il suo grande senso del dovere e dello Stato”. E’ quanto scrive, in un tweet, il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca. L’agente ferito è originario di Acerno, un comune della provincia di Salerno.

Foto pubblicata da La Gazzetta di Lucca

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.