Istanbul 1 gennaio: il totale disprezzo della vita degli altri (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
tony-arditoMentre il mondo si lasciava alle spalle, seppur per solo qualche minuto, preoccupazioni, amarezze e bilanci in rosso, per accogliere con i migliori propositi il nuovo anno, ad Instabul un altro infame attentato insanguinava la città turca ed il mondo intero. Al “Reina”, notissimo night dalla cifra occidentale della capitale, come in ogni dove, in tanti si erano dati appuntamento per festeggiare l’avvento del 2017.

Le eccezionali misure di sicurezza attivate dal governo allo scopo di proteggere la città non sono bastate ad intercettare l’azione criminale del terrorismo islamico.

Un maledetto filo rosso unisce Parigi, Bruxelles, Nizza, Berlino e, oggi, Istanbul; una unica strategia del terrore che con cinismo continua a seminare morte, nel tentativo di condizionare e destabilizzare il normale incedere delle nostre vite. 39 persone son rimaste uccise di cui 24 straniere; 69 quelle ferite per mano dell’ennesimo fanatico irrotto nel locale sotto le mentite ed innocue spoglie di Babbo Natale.
Bisogna fare di tutto affinché non prevalga la paura ed attivare ogni azione utile a prevenire. E’ necessario elevare ulteriormente i nostri standard di sicurezza; serrare i controlli e coordinare strutturalmente più e meglio lo scambio di informazioni fra le diverse polizie e le varie intelligence, di quelle europee in particolare, cosa che, ad onor del vero, è stata più volte sollecitata, purtroppo senza successo, proprio dal nostro Paese.
Al di là del merito, oggi suonano, quanto mai stridenti le iniziative che pochi giorni fa Washington ha intrapreso nei confronti di Mosca, ma forse di fatto indirizzate all’ormai presidente in carica, Donald Trump. Pur fra qualche abissale distinguo, c’è bisogno che le due superpotenze facciano fronte comune onde impedire e contrastare i rischi messi in campo da chi odia, non gli uni o gli altri, ma le culture “diverse” e la umanità stessa.
Se in Italia siamo ancora sostanzialmente indenni, oltre ad una innegabile dose di fortuna, lo dobbiamo ad una abile azione delle agenzie per la sicurezza e ad un eccellente controllo del territorio da parte delle Forze dell’Ordine, come dimostrato anche dalla recente neutralizzazione a Milano del pericoloso criminale-terrorista, autore della strage dei mercatini di Berlino.

Sarebbe, dunque, opportuno implementare – anziché assottigliare come una qualunque voce di bilancio – gli investimenti in termini di risorse e mezzi per l’intero comparto della sicurezza, segnatamente di quella interna. Credo che all’impegno, spesso silente, delle nostre Forze di Polizia dovremmo saper tutti guardare con maggiore riguardo e magari con un pizzico di gratitudine in più.

editoriale a cura di Tony Ardito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.