Discussioni e musiche fra Napoli e Asti: Pino Daniele e Paolo Conte (di Cosimo Risi)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
cosimo risiNapoli commemora Pino Daniele con la retorica di “due anni senza Pino”. La memoria è viva, la musica di Pino vibra nelle nostre teste come cantata e composta appena ieri, anche se risale a svariati decenni fa.  A quando Alto Gradimento, la trasmissione radiofonica di Arbore e Boncompagni, trasmetteva Je so pazzo (1979) fingendo lo schiamazzo in sala per coprire la parolaccia.

A quando uscì Nero a metà, l’albo della svolta e dell’affermazione artistica del cantante – compositore che impastava magicamente ritmi e stili diversi fra loro: jazz e blues e melodia, inglese e napoletano e italiano. Alcuni pezzi di quell’album sono i più ascoltati di sempre, fra loro il pubblico  sceglie inevitabilmente il preferito. Alcuni propendono per Quanno chiove che, nato nelle intenzioni dell’autore come un pezzo riempitivo, raggiunge vertigini compositive pari solo ad alcune di Paolo Conte.

L’amore per Pino è tale che all’ultimo concerto cogli amici e colleghi di sempre, al Plebiscito, appena attacca I Say Io Sto Ccà, il pubblico completa il pezzo al posto suo. Lo urlano  ragazzi e ragazze che quando fu composto, nel 1980, neppure erano nati. Una tradizione di famiglia evidentemente l’aveva imposto come colonna sonora di casa. Una specie di inno domestico che diviene cittadino e collettivo.

Nel momento della civica riconciliazione nel nome di Pino, Napoli non trova un comune modo di pensare fra il Sindaco e lo Scrittore più famoso del momento. De Magistris e Saviano sono portatori di un’immagine della città che elide l’altra.  La  città appare  dimidiata persino nella sua rappresentazione sui media. Suscita un dibattito che non prosegue negli spazi giusti.

La provincia di Asti, così distante dalla metropoli campana per toni e ampiezza, festeggia  il suo cantore ottantenne. Paolo Conte ha un’immensa popolarità ovunque e con punte presso il pubblico francofono che lo qualifica di “chansonnier”. Eppure ammette  di avere scarsa conoscenza del francese e nessuna o quasi dell’inglese e dello spagnolo. Si dichiara un provinciale che è orgoglioso di esserlo e adopera i salti geografici (il baobab nel giardino del convento, Zanzibar)  per condire i suoi versi di mondi lontani. Anni fa a Bruxelles un concerto di Conte,  inizialmente programmato in un teatro, fu trasferito d’autorità in un palazzetto dello sport.

Tali e tante erano le domande di biglietti per l’evento che si annunciava unico. Conte cantò solo qualche pezzo in francese, per il resto si espresse in italiano. I miei vicini di posto, che visibilmente non conoscevano l’italiano, mi chiesero di tradurre per loro almeno i saluti al pubblico. Per il resto del tempo ripetevano a memoria le canzoni in italiano senza comprenderle appieno. Come noi da bambini ripetevamo le formule del latino ecclesiastico. Una litania rassicurante nel suo mistero.

Che sia il caso di Pino o  di Paolo, al quale rinnoviamo gli auguri per i prossimi ottanta anni di scalate verbali, abbiamo motivo per essere fieri di queste glorie musicali. Nel famoso estero, il cui giudizio a volte attendiamo con ingiustificata ansia, sono due nomi sicuri. Sono personaggi italiani e internazionali insieme: felicemente cosmopoliti.
Cosimo Risi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.