De Luca vuole il Daspo per i parcheggiatori abusivi, ecco il piano

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
Nel corso dell’intervento introduttivo alla presentazione del PON ” Legalità 2014- 2020″ svoltosi la scorsa settimana a Salerno, il governatore della Campania Vincenzo De Luca soffermandosi sui fenomeni di microcriminalità ha dichiarato:  «Registriamo una esplosione di microdelinquenza nei trasporti pubblici, una situazione pericolosa nei pronto soccorsi, l’esplosione del fenomeno di abusivismo commerciale. Per non parlare poi dei parcheggiatori abusivi”. A tal proposito De Luca è favorevole ad introdurre una sorta di Daspo. “Dopo due diffide a lasciare il territorio – ha detto il governatore della Campania – scatta il Daspo e successivamente un provvedimento penale”.

Il quotidiano Il Mattino oggi in edicola anticipa che c’è già una proposta di legge contro i parcheggiatori abusivi. È un gruppo di studio di cui fanno parte anche giuristi e  promosso dall’Aci di Napoli e da Salerno Mobilità. L’intento è quello di sottoporre al Parlamento la modifica legislativa del codice dellastrada in riferimento al contrasto dell’esercizio abusivo di posteggiatore. Il Daspo, proposto da De Luca, rappresenterebbe una misura più dura a cui già sta lavorando da mesi un pool di magistrati di Napoli a cui sia il presidente di Salerno mobilità, Massimiliano Giordano, sia il presidente dell’Aci napoletana, Antonio Coppola, si sono rivolti per pianificare l’iniziativa legislativa da portare in Parlamento.

.L’ inottemperanza al provvedimento, aggiunge il gruppo di lavoro, comporterebbe il configurarsi di un illecito penale per l’abusivo punito con la reclusione da uno a quattro anni. Il testo proposto si focalizza sull’articolo 7 del codice stradale, aggiungendo al comma 15bis altri 4 commi innovativi. «L’inosservanza del provvedimento del Questore – si legge nella proposta del comma 17 – è punita con l’arresto da mesi sei ad anni due. Il giudice, con la sentenza che accerta il reato, dispone, altresì, per la durata di anni due, la misura amministrativa dell’obbligo quotidiano di presentazione negli uffici della questura». La proposta contenuta al comma 18 prevede che «l’inosservanza della misura amministrativa disposta con sentenza dal giudice è punita con la reclusione da uno a quattro anni»

Fonte IlMattino

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. Ci vorrebbe il DASPO anche per i “grattini” di Salernomobilità, molte volte “ambigui” personaggi assoldati politicamente nella Società Partecipata dal Comune. Fonte di voti deluchiani.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.