Pesca, Realacci: “Tutelare piccola pesca locale e sostenibile acque Parco Cilento”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
“Allarme nel Cilento per la tutela degli stock ittici e dei piccoli pescatori. Un allarme che evidenzia come sia necessario promuovere con maggiore forza forme di pesca sostenibile e sul quale ho presentato un’interrogazione firmata anche dal collega Iannuzzi ai ministri dell’Agricoltura e dell’Ambiente. Come si apprende dalla stampa locale, infatti, la presenza di un peschereccio di grandi dimensioni che svolge la sua attività a ridosso delle coste del Parco ha  suscitato notevole preoccupazione nella comunità dei pescatori.

Stando a un articolo pubblicato sul  “Giornale del Cilento” in dicembre, Giuseppe Tarallo, già presidente del Parco del Cilento,  aveva denunciato assieme ai piccoli pescatori di  Castellabate, Acciaroli, Casal Velino e Ascea il grave impatto provocato dal grande peschereccio sull’ambiente e sull’economia ittica di quel territorio. La quantità di pesce che questa barca riesce a catturare in un giorno sarebbe infatti equivalente al  pescato di un anno per un’impresa ittica artigianale. Delle preoccupazioni dei pescatori si è interessato anche Tommaso Pellegrino, attuale presidente del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, che li ha recentemente incontrati presso la sede dell’Ente.

La salvaguardia della piccola pesca locale e sostenibile è importante per la vita del Parco e della Riserva marina, lo ricordava sempre con il suo impegno che gli è costato la vita Angelo Vassallo, il “sindaco pescatore” di Pollica Acciaroli e Pioppi. La tutela  delle piccole aziende ittiche va incontro alle norme europee di settore, che incentivano la tutela degli stock ittici anche nel Mediterraneo e della biodiversità marina. Ai ministri interrogati ho quindi chiesto quali iniziative urgenti vogliano mettere in campo per valutare l’opportunità di revocare la pesca attraverso il cosiddetto sistema “volante” in considerazione del suo grave impatto sugli stock ittici, delle conseguenti ripercussioni sulle pesche locali minori e sul mercato del pesce, tanto più per le acque antistanti i Parchi Nazionali e le Aree Marine Protette, o aree SIC-ZPS.”.

Lo afferma Ermete Realacci, presidente della Commissione Ambiente Territorio e Lavori Pubblici della Camera, depositando una interrogazione su un caso di pesca ad alto impatto nelle acque del Cilento.

SI TRASMETTE DI SEGUITO IL TESTO DELL’INTERROGAZIONE

 Al Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali, al Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare – Per sapere – premesso che:

come riporta l’edizione online del quotidiano del Cilento del 19 dicembre 2016  ha fatto molto discutere nel mese passato la presenza di un grande peschereccio nel mare del Cilento e, come si legge nell’articolo, Giuseppe Tarallo, già presidente del Parco del Cilento  aveva lanciato – assieme ai piccoli pescatori di  Castellabate, Acciaroli, Casal Velino, Asce – l’allarme per un grave impatto sull’ambiente e sull’economia ittica di quel territorio;

si evince poi dalla stampa locale che la quantità di pesce che questa barca riesce a catturare in un giorno equivale al  pescato di un anno per un impresa ittica artigianale. Le istanze e le preoccupazioni dei pescatori sono state portate all’attenzione di Tommaso Pellegrino, attuale presidente del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, che li ha recentemente incontrati presso la sede dell’Ente;

la salvaguardia della piccola pesca locale e sostenibile è importante per la vita del parco e della riserva marina, come Angelo Vassallo, il “sindaco pescatore”, ha sempre ricordato nel suo impegno e che gli è costato la vita;

attualmente le norme sulla pesca emanate dalla Commissione Europea incentivano la tutela degli stock ittici anche nel Mediterraneo e della preziosa biodiversità marina;

quali iniziative urgenti vogliano mettere in campo i Ministri interrogati  affinché venga valutata la revoca delle attività di pesca attraverso il cosiddetto sistema “volante” sia esso a coppia o “monobarca”, in considerazione del suo grave e irrimediabile impatto sugli stock ittici e le conseguenti ripercussioni sulle pesche locali minori e sul mercato del pesce ancora di più per le acque antistanti i Parchi Nazionali e le Aree Marine Protette, o aree SIC-ZPS.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Come mai gli on.Capozzoli e l’on.Valiante della zona cilentana non s’interessano a questo grave problema?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.