Bambina di 14 mesi sbranata da rottweiler di casa

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
7
Stampa
Una bambina di 14 mesi è stata sbranata questa mattina dal rottweiler di famiglia a Saint-Aubin nell’Aisne, nel nord della Francia.

L’animale “sarebbe saltato addosso alla bambina e l’avrebbe morsa a livello della testa”, hanno spiegato le autorità. Un’inchiesta è stata aperta per stabilire le circostanze del dramma.

Secondo le prime ricostruzioni, la piccola si trovava in braccio alla mamma con la sorellina di quattro anni nel cortile di casa, quando uno dei due rottweiler della famiglia sarebbe saltato sulla piccola mordendola letalmente.

Il rottweiler è stato poi abbattuto. In verità, commenta Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, la colpa non è da attribuirsi al cane, bensì al genitore che ha permesso alla bambina anche se in braccio di entrare nel cortile che ospitava il molosso.

Difatti, il cane stava facendo il suo lavoro: quello di proteggere il proprio territorio da un potenziale aggressore, tipico quando il bambino entra nel territorio del cane, per difesa indotta, il cane difende qualcosa di sua proprietà. In questo caso l’aggressione è scatenata dal fatto che il bambino inavvertitamente o volutamente è entrato nel suo territorio.

Il cane potrebbe essere stimolato anche dalla presenza, attiva o passiva, di un componente del gruppo con il quale un rapporto sociale molto stretto; potrebbe essere il suo dominante oppure il subalterno. Il cane resterà sempre il migliore amico dell’uomo ma l’uomo resterà sempre l’irresponsabile animale che non riesce a gestirlo e nel migliore dei casi darà a lui tutta la colpa della sua imprudenza.

Giovanni D’Agata

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

7 COMMENTI

  1. Certi cani (non tutti ovviamente) sono troppo pericolosi, specie se vivono con una famiglia con bimbi (che spesso hanno strilli e comportamenti che li possono scatenare)…..in carcere dovrebbero andarci coloro che non vogliono ammettere questo semplice fatto e quando succede una tragedia addirittura difendono questi animali pericolosissimi….BD

  2. Il pericolo non viene dal cane, ma dalle condizioni al contorno che hanno generato l’evento. Tutti possono vendere cani e tutti li possono acquistare e già questo crea una situazione di pericolo perché permette anche ad un profano di possedere cani che hanno bisogno di essere educati per stare in famiglia. Inoltre da quanto leggo i rottweiler sono 2 e vivono nel cortile di casa ovviamente per fare la guardia. Ma i cani fanno branco ed è facile che il cane che ha azzannato la povera bambina, agendo come capobranco, abbia visto in questa un pericolo considerando anche il maggior affetto che le veniva rivolto magari anche in presenza dei cani stessi. Io amo i cani ed in particolare il rottweiler che considero il cane + sincero e leale che esista, ma proprio perché conosco le potenzialità e la pericolosità di un loro morso, mai mi sognerei di affiancarli ad un bambino o peggio ancora ad un neonato. I cani mordono. Tutti. Perchè è nella loro natura, mordono anche per esprimere affetto Non esiste un cane cattivo. Esiste solo un proprietario ignorante incurante dei rischi determinati dalla propria negligenza ed un allevatore senza scrupoli attento solo al mero tornaconto

  3. Non se ne può più di bestie immonde come voi (e non parlo dei cani)

    x BD Questo è un estratto su questa razza (giusto per rimettere le cose al loro posto)

    Rottweiler: carattere

    Il carattere del Rottweiler è sicuramente uno dei più discussi avendo questo cane fatto parte anche dell’elenco di razze pericolose, quando era in vigore. In verità sulla carta è un cane equilibrato, tranquillo, obbediente, addestrabile, ma anche protettivo e determinato, coraggioso e indipendente.

    Quindi va trattato con senso, non lo si può bistrattare o trascurare più di tanto senza pagarne le conseguenze. Non è una minaccia ma un cane come il Rottweiler, fedele al padrone e con un fortissimo istinto alla difesa del territorio, dobbiamo pensare che avrà delle reazioni quando qualcuno “invade” o “attacca” il suo.

    In particolare con i bambini, il Rottweiler non va lasciato solo. E’ docile e amabile, anche molto protettivo nei confronti di quelli della propria famiglia tollerando anche gli altri se è stato ben addestrato. Questo non toglie che i bambini spesso fanno gesti imprevedibili e noi non possiamo prevedere la reazione del Rottweiler.

    x Adolf
    Grazie agli animalisti sei ancora vivo. Infatti bestie come te non dovrebbero avere posto in un contesto civile vista la tua incapacità a provare sentimenti verso SPECIE diversa dalla tua persona.

    x carlo
    Noialtri diciamo invece che non se ne può più di persone ANAFFETTIVE, INDIFFERENTI, INSENSIBILI, ALGIDE come te. In psicologia si direbbe che sei affetto da Alessitimia ovvero difficoltà di identificare e descrivere i propri sentimenti tanto da rinnegare la possibilità di instaurare un rapporto con uno dei più antichi amici dell’uomo pronto a dare la propria vita per salvare il suo padrone.

    Altro discorso vale per Pippoerpelo del quale condivido il punto di vista ed aggiungo che avere un cane significa crescere un altro figlio che si comporterà per come lo educhi e per i valori che gli trasmetti.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.