‘Insieme contro il caporalato’, iniziativa della Cisl Campania e Anolf

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
La Fai Cisl regionale (la federazione agro-alimentare), di concerto con la Cisl Campania e Anolf Campania(l’associazione Oltre le Frontiere), ha organizzato per il prossimo 20 gennaio, alle ore 10 presso il Grand Hotel Salerno, un convegno sul tema “Insieme   contro il caporalato: legalità e contratti per riscattare il lavoro agricolo e rilanciare lo sviluppo”.

Ai lavori che saranno introdotti dal segretario generale della Fai Cisl Campania, Raffaele Tangredi,  parteciperanno il segretario nazionale della Fai -Cisl  Luigi  Sbarra Piero Ragazzini,  segretario confederale Cisl e Commissario Regionale della  Cisl Campania.

Interverranno Sonia Palmeri, assessore Demanio e Patrimonio Lavoro e Risorse Umane Regione Campania, Francesco Alfieri, consigliere del Presidente delegato all’Agricoltura e alla Pesca Regione Campania,Alberto Scuderi, direttore INPS Regionale Campania, Rosario Rago,Presidente Confagricoltura Campania, Salvatore Loffreda, direttore regionale Coldiretti Campania.

La piaga del caporalato in Italia e in Campania incide negativamente sullo sviluppo della nostra regione. Sono circa  400 mila i lavoratori Italiani e immigrati che trovano lavoro tramite i caporali e di questi, uno su quattro vive in condizioni paraschiavistiche. Alla Campania, Puglia e Calabria spetta il primato della classifica, ma  il fenomeno  è  presente  anche nelle regioni del Nord e del Centro Italia.

In Campania, soprattutto in alcune aree dove c’è maggiore richiesta di lavoro stagionale agricolo, legato alle fase di raccolta dei prodotti (in particolare l’agro Aversano, il litorale Domitio e la piana del Sele), il 60 % delle lavoratrici e dei lavoratori è costretto a lavorare senza alcuna tutela e senza i minimi servizi:  15 ore al giorno per una misera paga. Una realtà dove si intrecciano illegalità, malaffare, connivenza con la malavita organizzata e  i cui affari sono valutati in miliardi di euro con danni enormi  al fisco e all’Inps.

Ecco perché  la Fai  ha accolto positivamente la nuova legge contro il caporalato. Un vero traguardo di civiltà, frutto anche della mobilitazione del sindacato di categoria e confederale che da oltre un anno incalzano le istituzioni in tal senso.

Ma la sola repressione non basta: occorre alimentare una cultura diversa di presidio partecipato. Per il sindacato è necessario un lavoro sinergico tra governo regionale, associazioni datoriali, le organizzazioni sindacali  e  quelle no profit, per operare nei  territori ove  il fenomeno è più sentito, per formare e informare  i lavoratori immigrati, locali  e tutti gli attori coinvolti sul  rispetto delle leggi, dei contratti e  della dignità della persona. Va valorizzata la rete del lavoro agricolo di qualità, vanno individuate  misure premianti  per le aziende che rispettano le leggi e i contratti.

Il sindacato, come  parte sociale, deve lavorare sui territori, valorizzare il ruolo della Bilateralità, della Contrattazione nazionale e provinciale, sostenere il  lavoro e le  imprese di qualità, incidendo  sul campo che gli è proprio, quello del mercato del lavoro (incontro tra domanda  e offerta, trasporto, alloggi decorosi, formazione, corsi di lingua  italiana) ed  offrire  tutti quei servizi  di cui oggi un’ azienda ha bisogno per essere in regola. Il tutto per rinsaldare specialmente in Campania e nel sud quella rete di sussidiarietà per una società qualificata organizzata, capace di entrare nei processi di integrazione e sviluppo dei nostri territori.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.