Il giallo di Stefano: dato per salvo, ora è tra i dispersi

Stampa
Erano partiti questa mattina all’alba, convinti di dover attendere solo il momento per abbracciare Stefano. Giunti a Pescara, Claudio e Graziella, fratello e sorella del padre del 28enne rimasto nell’hotel Rigopiano travolto dalla valanga, hanno trovato ben altre notizie ad attenderli. Nell’ospedale di Pescara il giovane che aveva scelto il resort per festeggiare il compleanno insieme con la fidanzata Francesca Bronzi, non e’ arrivato e il suo nome e’ sparito dall’elenco degli intrappolati vivi, estratti poi nel corso della giornata. Un filo diretto tra Pescara e Valva (Salerno), dove ci sono gli altri zii del giovane e dove Stefano Feniello tornava spesso, anche se la sua vita è a Silvi Marina dove si è trasferito poco più che bambino. Le buone notizie della prima mattina, col passare delle ore, hanno ripreso il tono dell’angoscia dei primi istanti successivi al disastro.

eri sera la speranza aveva preso il sopravvento sulla tristezza. Il nome di Stefano era inserito nella lista di cinque superstiti rimasti sotto la valanga. Questione di ore per consentire ai soccorritori di riportarli alla luce. E’ stato così per la fidanzata Francesca, non per Stefano.

Stefano è ancora disperso. La conferma è arrivata nel tardo pomeriggio, quando il viceministro dell’Interno, Filippo Bubbico, insieme al Prefetto e al Questore di Pescara ha incontrato i parenti dei dispersi. E lo sconforto ha di nuovo preso il sopravvento, dopo la gioia esplosa quando, ieri sera, erano stati comunicati i nomi di cinque persone estratte dai resti dell’hotel, tra cui quello di Stefano. Un errore di comunicazione, forse, all’origine dell’informazione errata. La famiglia, che solo poche ore prima aveva tirato un sospiro di sollievo, deve ripartire da zero. Nonostante l’angoscia dell’attesa, continuano a sperare papà Alessio e i suoi fratelli, arrivati appositamente dalla Campania. L’uomo, con il volto cupo, attende immobile in Pronto soccorso, fino a quando, all’arrivo di un’ambulanza, urla “Stefano, Stefano”. Ma Stefano non c’è. Insieme a lui lo aspetta Francesca che, arrivata nella notte in ospedale, continua a chiedere del suo fidanzato. Poche parole, ai familiari, per descrivere le terribile ore trascorse dopo la valanga, fino all’arrivo dei soccorritori.

“Ero al buio, in uno spazio piccolissimo, senza acqua e senza cibo – racconta ai parenti – Molte persone erano nella sala garden, alcuni, tra cui me e Stefano, nella sala camino e i bambini nella sala biliardo”. Era la prima vacanza insieme per Stefano e Francesca.

Lui aveva compiuto 28 anni martedì e lei, per il compleanno, gli aveva regalato due giorni di relax nella storica struttura di Rigopiano. Subito dopo la notizia della valanga, i due papà si erano messi in marcia per cercare di raggiungere il luogo del disastro.

“E’ una tragedia, ho mia figlia l’ha sotto – aveva detto Gaetano Bronzi con le lacrime agli occhi – era andata a fare una giornata con il ragazzo, c’è suo padre qui accanto a me. Volevano passare un week end, ma sono rimasti su”. “Non erano mai venuti qui – aveva detto papà Alessio – Ma la speranza c’è ancora e noi aspettiamo. Non ce ne andremo”. E ora le due famiglie criticano i metodi di comunicazione e le poche informazioni. Parlano di “mancanza di organizzazione”, i Bronzi.

“Nessuno ci fa sapere niente, apprendiamo informazioni solo dai giornalisti. Nessuno si degna di dirci nulla”, ripetono i Feniello. Ora non possono fare altro che attendere. “Eravamo sicuri di rivedervi insieme… vi vogliamo bene”, scrivono gli amici della coppia, quando ancora si pensa che Stefano sia tra i superstiti, su un cartellone posizionato all’ingresso del negozio in cui lavora Francesca. Una foto dei due giovani, sorridenti, in mezzo alla neve. Adesso c’è delusione, ma la speranza di tutti è che quel tributo all’amore di Stefano e Francesca sia di buon auspicio.

Commenta

Clicca qui per commentare

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.