Charlie Hebdo, una valanga di disgusto (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Il giornale satirico francese “Charlie Hebdo” ancora una volta con una vignetta inopportuna, ancorché eccessiva si prende gioco delle tragedie altrui. I vignettisti d’oltralpe, così come fu in precedenza per il terremoto di Amatrice, hanno illustrato, si fa per dire, a modo loro la emergenza neve in Italia che, in questi giorni, è stata portatrice di lutto e distruzione.

Nel disegno, viene raffigurata la morte personificata che scia su una grande distesa bianca e dice: “La neve è arrivata ma non per tutti”, mentre sullo sfondo una valanga travolge alberi e case. Un chiaro richiamo alla tragedia dell’hotel Rigopiano per la quale, ancora in queste ore, si sta compiendo ogni possibile sforzo al fine di salvare vite umane.

La cosa ha suscitato corale sdegno.  Il sindaco di Farindola, Ilario Lacchetta, ha prontamente annunciato querela; molto apprezzato lo showman, Rosario Fiorello, il quale per commentare la vicenda ha scelto un autentico “francesismo”; altrettanto è stato per la risposta del fumettista nostrano Ghisberto che ha realizzato una contro-vignetta satirica, copiosamente ribalzata sul web, polverizzando la illustrazione del periodico, con la stessa immagine della morte sugli sci, superata e beffata però da un uomo del Soccorso Alpino Italiano.

Nel gennaio 2015, l’Europa intera e gran parte del mondo in una mobilitazione straordinaria, al motto di “Je suis Charlie”, si strinsero al fianco della testata francese dopo che, con una vile azione di stampo terroristico, alcuni criminali dell’Isis ne sterminano numerosi esponenti.

In queste ore, dunque, nel vano tentativo, di dare una qualche interpretazione alla deprecabile iniziativa del settimanale parigino, mi sono interrogato ed ho letto e riletto il significato della parola satira, così descritto: “Qualunque scritto, discorso, disegno, rappresentazione, spettacolo che intende mettere in ridicolo comportamenti o concezioni altrui”. Al di là di ogni valutazione di merito, penso che la funzione di chi opera nel variegato e complicato mondo della informazione non debba mai, mai derogare ad un minimo di buonsenso e talvolta anche di rispettoso buongusto.

Sono convinto che tra le poche frasi che sarebbe piaciuto ascoltare o leggere, proprio dai redattori di “Charlie Hebdo”, c’era senz’altro “Io sono un soccorritore italiano”, ma queste son cose che attengono al cuore prima ancora che alla ragione.

Editoriale a cura di Tony Ardito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.