Aumenti tariffari Trenitalia: Regione Campania approva mozione

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Il Consiglio Regionale della Campania, presieduto dal vice presidente Ermanno Russo, ha esaminato alcune Mozioni: quella ad iniziativa del capogruppo di FI Armando Cesaro contro gli aumenti tariffari annunciati da Trenitalia per gli abbonamenti relativi alla tratta Alta Velocità Napoli-Roma, è stata riformulata e approvata all’unanimità. Sul tema è intervenuto il capogruppo di Campania Libera Francesco Emilio Borrelli che ha ricordato l’intervento del presidente De Luca, che ha già prodotto l’effetto di dimezzare e di congelare gli aumenti fino a giugno, e ha sottolineato che “non è accettabile che i pendolari Napoli-Roma siano penalizzati da Trenitalia con aumenti insostenibili e che è opportuno proporre anche ad Italo abbonamenti a prezzi sostenibili”.

Il Consiglio ha, invece, respinto la Mozione ad iniziativa del capogruppo di FdI Alberico Gambino, per l’ampliamento delle funzioni del Corecom alla conciliazione stragiudiziale nel settore dell’energia elettrica e del gas (la mozione ha ricevuto il voto favorevole del centrodestra e l’astensione del M5S).  Sul tema sono intervenute le consigliere di FI Flora Beneduce e Maria Grazia Di Scala per sostenere l’importanza dell’ampliamento delle funzioni del Corecom per andare incontro alle esigenze dei consumatori e per deflazionare il contenzioso.




Il Consiglio ha anche discusso la Mozione ad iniziativa della capogruppo Valeria Ciarambino e dei componenti del gruppo del M5S Luigi Cirillo, Maria Muscarà e Gennaro Saiello, per la riapertura del pronto soccorso del Presidio ospedaliero “Cav. Apicella” di Pollena Trocchia, che è stata illustrata dalla capogruppo Ciarambino la quale ha sottolineato che “i recenti accadimenti accaduti presso l’ospedale di Nola suggeriscono di mettere in campo una strategia di emergenza che consenta ai cittadini di essere garantiti nell’inalienabile diritto alla salute anche attraverso la riapertura del pronto soccorso di Pollena non soltanto in via temporanea ma in modo permanente”.

Sul tema è intervenuta la consigliera Loredana Raia (Pd) che ha sollecitato “maggiore serietà anche nello scrivere una mozione perché, se la sanità è commissariata, è chiaro che non è competenza del presidente della Giunta riaprire un pronto soccorso. Inoltre, come Pd, siamo più andati al presidio ospedaliero di Pollena per renderci conto delle difficoltà e delle possibilità tenuto conto di quanto previsto dal piano ospedaliero che non prevede il pronto soccorso all’ospedale Apicella. Abbiamo capito che l’Asl Na 3 ha in animo di potenziare il presidio ospedaliero di Pollena affinchè sia funzionale, non solo per decongestionare l’ospedale di Nola, ma anche per potenziare i reparti già esistenti, ma soprattutto quelli di anestesia  e cardiologia se si vuole dare ai cittadini che si rivolgono a quell’ospedale un efficace soccorso. Quindi la problematica va affrontata in modo serio e completo”.

La consigliera Maria Ricchiuti (Udc) ha, invece, chiesto la verifica del numero legale, “tenuto conto dell’importanza della problematica trattata”, sostenuta dal consigliere Franco Moxedano (Idv).  Essendo superato l’orario di conclusione previsto per la seduta, il Consiglio ha, quindi, votato sulla proposta del vice presidente Russo di proseguire comunque i lavori, ma l’esito della votazione, dalla quale sono risultati 14 presenti, ha determinato lo scioglimento della seduta.

 

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. e quale sarebbe il problema? è normale! è una società privata!
    E non solo, hanno pure distrutto il trasporto pubblico locale, in tutta Italia. E pensare che avevamo (in teoria abbiamo) la rete migliore e più capillare del mondo.. ogni paesello aveva la sua stazioncina.
    Questo serve da monito per i sostenitori delle privatizzazioni dei servizi pubblici essenziali non in concorrenza.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.