Due albanesi dietro lo sfruttamento della prostituta uccisa a Salerno

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
Gli Agenti della Squadra Mobile della Questura di Salerno, Sezione omicidi e reati contro la persona, al termine di una mirata attività diretta a contrastare lo sfruttamento della prostituzione in città e nelle zone del litorale sud, hanno eseguito due misure cautelari nei confronti di altrettanti cittadini albanesi. La vicenda trae origine dal ritrovamento del cadavere di una prostituta rumena, Alina Roxana Ripa, avvenuto il 31 dicembre 2015.




A seguito delle attività di indagine condotte dalla Squadra Mobile, si è avuto modo di accertare che la ragazza era sfruttata dai destinatari delle misure cautelari, identificati per Kadiu Ilir, nell’ambiente conosciuto con il soprannome di “Elio”, albanese di 36 anni e Marku Kristian, ventiquattrenne residente a Salerno da molti anni. Il primo si è reso irreperibile immediatamente dopo l’omicidio ed è attivamente ricercato. Marku Kristian è stato condotto presso il carcere di Fuorni e messo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Nell’ambito delle indagini è emerso che entrambi si contendevano le “piazzole” dove numerose altre ragazze erano sfruttate dai due che arrivavano addirittura a “vendere” i posti della prostituzione come fossero di loro proprietà e non pubblica via. Nel corso delle indagini, supportate anche da intercettazioni telefoniche ed ambientali, gli investigatori hanno accertato, inoltre, che un albergo, ubicato a Pontecagnano – Faiano, in Via dei Navigatori, era luogo di incontri occasionali tra prostitute e clienti. Il G.I.P. ha disposto, pertanto, il sequestro della struttura contestando il reato di favoreggiamento della prostituzione.

 

VIDEO SIGILLI ALL’HOTEL BLU

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. inviate la notizia alla Boldrini, ci sono due sue risorse che hanno bisogno del suo supporto, sono stati arrestati ingiustamente, dopotutto stavano lavorando alacremente e hanno ucciso per necessità..! Mi raccomando, avvisatela quanto prima. Ma ovviamente sono casi isolati, non bisogna fare di tutt’erba un fascio, albanesi rumeni e georgiani che delinquono? mosche bianche!

  2. Vi è piaciuto abbattere il muro di Berlino e distruggere l’Unione Sovietica? Adesso teniamoci la Germania di nuovo padrona dell’Europa e tutti i delinquenti degli stati nati dopo l’Urss Georgia,Bielorussia,Ucraina ecc che vengono a delinquere in Italia…

  3. BISOGNA METTERE IN GALERA ANCHE CHI VA CON LE PROSTITUTE E UN GESTO IGNOBILE PAGARE UNA DONNA PER FARE SESSO VERGOGNA GALERAAAAAAAAAAAAA

  4. CICCIO: e se la prostituta sceglie consapevolmente, volontariamente e liberamente di fare quello che fa? chi sei tu per impedirglielo? e poi ti faccio presente che ci sono anche gli uomini che si prostituiscono, soprattutto i più giovani, quindi questo discorso accentrato sulla donna è almeno parziale

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.