Parcheggio dell’ospedale di Salerno, la Uil Fpl pressa il manager Cantone

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Gestire in house il servizio di sosta dell’ospedale “San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona” e cancellare i privilegi a medici, dirigenti e professori universitari nel parcheggio interno della struttura di via San Leonardo.

A chiederlo al manager Nicola Cantone sono i segretari della Uil Fpl provinciale, Biagio Tomasco e Giuseppe Natella. Una richiesta che arriva alla luce delle disposizioni emanate, il 31 gennaio scorso, dal direttore generale dell’Azienda ospedaliera in merito al servizio di sosta all’interno del presidio di via San Leonardo.

Ma, nonostante questo, per il sindacato rimangono comunque delle perplessità. “Innanzi ci tutto preme sottolineare che la tempestività della disposizione non sia stata delle migliori, considerato che il passaggio da un “sistema” a un altro potrebbe essere fonte, si spera di no, di diatribe tra gli utenti ed i controllori, per la qual cosa si sarebbe auspicato un periodo di transizione quanto meno di una settimana, onde “abituare” tutti alle nuove disposizioni”.

Altro nodo che la Uil Fpl chiede di affrontare è quello relativo alla ricognizione dei permessi di entrata. “Non ci sembra che si possa configurare come azione legittima da parte del datore di lavoro atteso che la fattispecie non sia regolamentata né dal Decreto legislativo 150 del 2009 né da regolamenti interni concordati tra le parti e risulti inoltre ridondante rispetto alle sanzioni amministrative in cui gli inadempienti incorrerebbero in caso di infrazione, per la qual cosa si chiede di rimodulare tale disposizione”.

Per questo la Uil Fpl chiede a Cantone di applicare le nuove disposizioni a tutti i fruitori del parcheggio interno, eliminando ogni forma di privilegio per chicchessia in modo da allineare tutti agli stessi obblighi e responsabilità.

“Tanto per chiarezza dovranno essere eliminati i posti riservati a professori universitari, primari e dirigenti aziendali, in modo da equipararli a tutti gli altri dipendenti del “Ruggi”, che a parere della scrivente rivestono la stessa dignità lavorativa”, hanno spiegato Tomasco e Natella. “Infine, vogliamo ricordare le proposte avanzate dalla Uil Fpl in ordine alla gestione del parcheggio esterno che potrebbe essere fatto oggetto di ammodernamento attraverso il sistema “Fast park”, per come segnalato anche al sindaco di Salerno, con conseguente internalizzazione del servizio, che potrebbe essere fonte di produttività per l’intera Azienda ospedaliera”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Ma la mattina cercatevi il parcheggio come tutti o, al più, andate al parcheggione aci lasciando quello interno ai malati in terapia. Fare 4 passi in piú non vi farà male…ci mancava la casta del parcheggio per i dipendenti e si ritirano i pass ai malati in chemioterapia…

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.