Successo per la mostra dell’artista salernitana Chicca Regalino al PAN di Napoli

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Si intitola “Dettagli e orme” la personale di Chicca Regalino, Artista salernitana afferamata, in mostra al Pan  da giovedì 9 febbraio a martedì 21. La mostra comprende 12 opere, presentate da Angelo Trimarco. Interpretare il lavoro di un pittore, come succede per ogni artista, richiede di collocarsi davanti alla sua opera, valutarne il risultato, ascoltare l’emozione che essa trasmette e reciderne i fili che la legano all’individualità privata, perché quei legami possono essere fuorvianti. Nel caso di Regalino, tale separazione risulta difficile. Le matrici pittoriche dei lavori presentati sono infatti immedesimate con la sua esperienza umana e con l’ambiente intorno. I lavori realizzati con sfumature e graffi cromatici e lo sfondo nero che occupa la maggior parte delle superfici dei supporti, riescono a rappresentare la fragilità della condizione di transizione, immanente alla nostra natura umana, spaziando dal figurativismo, action ed atmosfere espressionistiche, attraverso continui rimandi al surrealismo post-moderno e all’iper-realismo. “Ho sempre lavorato con la figura umana – spiega Regalino- Questa volta ho rielaborato le esperienze passate alla luce di una nuova sensibilità. Questo modo di dipingere ha per me una grande immediatezza emotiva”.

Il percorso espositivo si presenta come una vera e propria riflessione per presentare la varietà della commedia umana attraverso le debolezze, le speranze, le sofferenze di tutti noi, soprattutto sulla condizione della donna in questo secolo, inizia dall’analisi della realtà, in particolare dalla figura umana da cui i ritratti di piccole dimensioni come verosimiglianza fisica e psicologica. La raffigurazione subisce un decentramento e una mutilazione. Le mani, in particolare le dita delle mani, i piedi e l’alluce diventano il fil rouge attorno al quale l’artista “annoda” il suo discorso. I dettagli di parti del corpo diventano nelle opere, dei totem, perdendo la loro qualità realistica, riuscendo a segnare inevitabilmente la distanza tra rappresentazione e figurativo. “L’orma, in quanto traccia, impronta e sintomo- scrive Trimarco- come sa l’artista, è trasalimento e allarme del reale e, insieme, della costellazione della pittura”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.