Festini gay con parroco a Napoli. Verdi, dosser in Curia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
“Sono troppi i casi dei preti del napoletano che negli ultimi anni sono emersi agli onori della cronaca per abusi su minori e adolescenti. Si passa – dichiarano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli con i consiglieri del Sole che Ride Stefano Buono e Marco Gaudini – da padre M.D.M. che fu sorpreso nel 2010 in una piazzola della tangenziale di Napoli mentre, nella sua auto, consumava un rapporto sessuale con una liceale di 15 anni adescata via chat. Per non parlare del parroco di Marano che nel 2012 fu costretto a dimettersi solo dopo che le Iene mandarono in onda un servizio in cui stesso parroco faceva avance sessuali a tre ragazzi di cui uno minorenne che ripresero tutto con una telecamera nascosta. Lo stesso è successo con il prete che andava con le minorenni e nonostante lo scandalo non è mai stato allontanato dalla provincia di Napoli. Anche in questo caso la Chiesa ha perso un’ occasione per allontanare e punire in tempi rapidi alcuni suoi esponenti che sono accusati di reati immondi. Il caso del Prete della Basilica di Santa Maria degli Angeli a Pizzofalcone è l’ultimo di un numero enorme di casi. Fa riflettere che spesso questi preti diventano punti di riferimento in quartieri difficili e poi approfittano di giovani che vivono realtà di degrado sociale, criminale ed economico. Invece di aiutarli a intraprendere nuove strade e a riscattarsi li spingono ancora di più verso il baratro”.
“Quello che lascia sbigottiti è che in quasi tutti i casi i preti verso i quali sono state mosse gravissime accuse hanno continuato ad esercitare anche durante le dovute verifiche – continuano i Verdi – restando sempre a contatto con i bambini, i minori e giovani. In questo modo hanno potuto continuare indisturbati a commettere le loro violenze. La verità è che non risulta un solo caso in cui la Curia è intervenuta in tempo per evitare che questi preti continuassero a svolgere le loro violenze. Tutti gli interventi a nostro avviso sempre tardivi sono stati effettuati dopo che gli scandali erano emersi a livello mediatico. Anche in questo caso non apprezziamo il silenzio del Cardinale Sepe”.
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. E facimm semp’ chest’, a vulimm’ fini! Siete una massa di ipocriti mangiapane a tradimento da duemila anni ci prendete per i fondelli!

  2. 13:49 e chi ti obbliga a credere?? puoi senza alcun problema passare al buddismo, islamismo, ebraismo, ateismo, pagnottismo ! e non sei neppure obbligato a dichiararlo sai?! sei libero. Poi però, prima di criticare bisognerebbe conoscere, ma questo oggi pare troppo complicato, meglio cliccare, condividere e indignarsi

  3. Ma forse non sei propio recettivo. Cosa c’entra il credere o meno con l’istituzione della chiesa cattolica? Posso credere più o meno di te senza dover avere patenti di credente o meno da nessuno. Spero per te che non sia un bigotto della peggior specie. E pensa prima di scrivere! E studiati un pò la storia, recente e passata.

  4. signor X e Gino di cognome, io sono bigotto? è una tipica affermazione di chi è uno stupido saccente che pensa di sapere tutto ma invece sa solo alcune cosette che ritiene siano la Verità!
    Di grazia, quale punto della storia dovrei studiare??
    Il tizi ha detto che viene preso per i fondelli da secoli, io ho detto che può scegliersi altra religione e non sentirsi preso per i fondelli! dove sta l’essere bigotto???!! aah ho capito! forse per il non pensarla come il signor XGino !! ok!! il nuovo Dio: X Gino alle 10.21 ! saluti riverenti per Lei!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.