Debiti: arriva la sospensione per un anno per chi è in difficoltà?

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
‘Moratoria debitoria per le situazioni individuali di emergenza’. E’ il disegno di legge presentato dal senatore Buemi del Psi.

Come si legge sul profilo Facebook del partito, “la proposta è volta ad una moratoria finanziaria rispetto alle segnalazioni della Centrale rischi bancaria” e “mantiene i beni garantiti nella disponibilità del debitore, che è individuato secondo parametri certi tra le situazioni di disagio collegate con calamità naturali o con situazioni individuali di temporanea emergenza economica”.

“La procedura che qui si propone opera secondo lo schema del concordato preventivo, imponendo alla banca di ri-valutare la situazione alla luce delle prospettive di recupero che offre la situazione individuale del debitore: il bene non si deprezza, almeno fino a quando il piano non resta inadempiuto. Nel frattempo, nessuna comunicazione alla Centrale rischi è possibile e nessun conferimento a ditte di recupero crediti può avvenire”.

“Il Governo è delegato ad adottare (…) uno o più decreti legislativi intesi a disciplinare gli interventi di tutela delle persone fisiche che versino in situazione di emergenza individuale”, come i “residenti nelle zone colpite dagli eventi calamitosi”, coloro “che hanno subìto una patologia invalidante che li rende temporaneamente inabili al lavoro”, coloro “che hanno cessato un rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato o a tempo determinato”. In questi casi si deve operare “la sospensione legale, per un periodo massimo di un anno, dei termini processuali, fiscali e contrattuali che vedono i soggetti ivi indicati come soggetti passivi di un rapporto giuridico, anche finanziario o di tipo debitorio”.

Il ddl prevede inoltre “la possibilità, per il debitore meritevole, di stipulare una convenzione di moratoria ulteriore (…) laddove non sia in grado di offrire ai creditori alcuna utilità, diretta o indiretta, nemmeno futura, di accedere all’esdebitazione solo per una volta, fatto salvo l’obbligo di pagamento del debito entro tre anni, laddove sopravvengano utilità”.

Inoltre è previsto il “divieto di inviare alla Banca d’Italia, nelle segnalazioni periodiche ovvero nelle funzioni di partecipazione alla centrale dei rischi, comunicazioni in ordine alle posizioni debitorie sospese (…) per tutto il tempo della sospensione”.

Fonte il quotidiano di Puglia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.