Indagine Confcommercio: a Salerno chiudono negozi al dettagio del centro

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
In otto anni a Salerno hanno chiuso ben 393 attività. E’ il dato che emerge dalla Confcommercio Nazionale sull’evoluzione del commercio nella città dal 2008 ad oggi: numeri in tabella dettagliati e divisione tra esercizi commerciali nel centro storico e altri quartieri. Si tratta di una indagine sulla “Demografia d’Impresa nei centri storici italiani” effettuata prendendo in esame 40 comuni di medie dimensioni, capoluoghi di provincia tra cui Salerno (escluse le grandi città come Milano, Roma e Napoli), con la distinzione tra Centri Storici e Non Centri Storici e 13 categorie distributive (non specializzati, alimentari, tabacchi, carburati, computer e telefonia, mobili, ferramenta, libri e giocattoli, vestiario e tessili, farmacie, ambulanti, altro commercio, alloggio, bar e ristoranti).

Il primo dato che emerge dall’analisi è che le città italiane perdono negozi in sede fissa un po’ più rapidamente rispetto al resto del paese. Una tendenza solo in parte attenuata dalla crescita del numero di ambulanti, alberghi, bar e ristoranti.




Il secondo dato è che, andando ad analizzare le dinamiche distinguendo tra Centri Storici e Non Centri Storici di queste città, nei primi il tasso di riduzione dei negozi in sede fissa è sensibilmente più elevato rispetto alle periferie (rispettivamente -14,9% e -12,4%). In particolare, nei centri storici si registra una riduzione di tutte le tipologie distributive – soprattutto libri, giocattoli e abbigliamento – e una vera e propria sparizione dei benzinai (-27%); crescono solo le farmacie e i negozi di telefonia e Ict domestico (computer, ecc.).

DI SEGUITO I DATI RELATIVI A SALERNO

“I dati forniti dal nostro Ufficio Studi, ha dichiarato il Presidente della Confcommercio Provincia di Salerno, Avv. Nino Marone – sono ancora purtroppo contrassegnati dal segno meno, con un costante decremento di attività al dettaglio, sia nei Centri Storici che al di fuori di essi. Tale dato non può preoccupare poichè sottolinea, nei numeri, il processo di costante desertificazione della piccola impresa commerciale, quella di fatto più colpita da una liberalizzazione trasformatasi in libertinaggio, se a questo andiamo ad aggiungere la crisi enorme che vivono i Centri Commerciali artificiali ed i sistemi di Grande Distribuzione, il disastro è completo. E’ di pochi giorni fa – continua Marona – la notizia dell’avvio delle procedure di licenziamento e relativa chiusura di Carrefour a Pontecagnano. Altri lavoratori privati di reddito dopo i disastri generati da queste forme distributive”.

LA SITUAZIONE GENERALE. A livello geografico emerge la crescita al Sud delle attività legate al turismo (bar, ristoranti e alberghi) ma soprattutto un vero e proprio boom del commercio ambulante che dal 2008 ad oggi ha registrato in quest’area un incremento del numero di attività pari all’85,6% (a Palermo sono quasi quadruplicate, a Lecce e Foggia raddoppiate, a Catania sono cresciute del 50%). Tra le determinanti della desertificazione commerciale dei centri storici, oltre alle dinamiche demografiche (come l’età media della popolazione e la densità abitativa) e al calo dei consumi, il fenomeno può essere ricondotto prevalentemente ai canoni di affitto del centro più elevati rispetto a quelli delle periferie.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. L’Architetto Renzo Piano,vorrebbe far rinascere le periferie come farebbe senza piccoli esercizi commerciali che come ampiamente espletato nell’articolo nessuno ormai investirebbe neanche in un negozio di sementi.Blablabla Bablabla Bablabla……….Poi si vuol parlare di disoccupazione.

  2. avete visto altro che esempio questa città… ha fallito il pd a salerno. Questa amministrazione comunale non mi piace proprio, non sa come venire incontro alle difficoltà dei cittadini locali; non fanno nulla per il lavoro, e neanche per le difficoltà dei commercianti, altro che città delle luci.

  3. E non è finita qua sto aspettando che il governo aumenti l’iva per recuperare i soldi che il Sig.Renzi ci ha fatto perdere grazie alle sue operazioni economiche fallimentari e sopratutto tuffaldine facendo falsi in bilacio e ora l’europa vuole garanzie…..

  4. 13.23, e certo, ora devono recuperare tutti i miliardi che hanno dato ai compagni di merende banchieri, che hanno fatto fallire tutte quelle banche che sappiamo e buttando i soldi dove NON sappiamo.. (o dove non possiamo dirlo… ma si sa quelle banche da che parte stavano..)

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.