Sanità: De Luca, piena soddisfazione per riparto fondo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
In tempi record la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome ha licenziato oggi, all’unanimità e in poche ore, il riparto del Fondo sanitario nazionale 2017 che ammonta complessivamente a quasi 113 miliardi di euro, anche se in realtà i governatori se ne sono spartiti poco più di 109 perché una parte dei fondi viene accantonata o riservata agli obiettivi di piano.

Non è mancato nemmeno un forte segnale di solidarietà interregionale: nell’ambito del riparto le Regioni hanno infatti tenuto conto della particolare e drammatica situazione che stanno vivendo le aree colpite dal terremoto destinando a queste zone circa 10 milioni in più.

Motivi che, con la tempistica che ha permesso di chiudere l’accordo a febbraio, fa dire al presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, di essere “molto soddisfatto”.

La proposta delle Regioni sarà ora inoltrata al ministro della salute, Beatrice Lorenzin, “e mi auguro che si possa procedere nel più breve tempo possibile per arrivare – dice Bonaccini – alla erogazione rapida delle risorse fondamentali per un servizio essenziale per i cittadini quale è quello sanitario”. Giudizi positivi sono complessivamente arrivati da tutti i governatori, anche se c’è chi non ha tralasciato di evidenziare – come il coordinatore degli assessori al Bilancio, Massimo Garavaglia – che con risorse simili a quelle dell’anno scorso bisognerà finanziare i nuovi Livelli essenziali di assistenza, i farmaci innovativi, il rinnovo contrattuale e il Piano vaccini. Inoltre è stato confermato il “taglio” di 422 milioni al finanziamento per la sanità da parte dello Stato a seguito del mancato accordo con le Regioni autonome. ”

“Piena soddisfazione per il risultato ottenuto dalla Campania nel riparto del fondo nazionale per la sanità. Per il 2017 il fondo destinato alla Campania sarà di 10 miliardi e 254 milioni, 54 milioni in più rispetto allo scorso anno. Ma la cosa più importante è che per la prima volta viene stabilito che il criterio di riparto non tiene conto solo del dato anagrafico della Campania regione “più giovane”. È l’inizio di un cambiamento di metodo che potrà portare ad acquisire nel riparto il peso della condizione sociale della nostra regione”. Così in una nota il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.