Il suo vino fa conoscere Salerno in Giappone, la storia di Silvia Imparato

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
E’ il momento delle donne del vino, sabato 4 marzo si celebra per la prima volta la loro festa a livello nazionale, per sottolineare l’importanza del movimento imprenditoriale ‘rosa’ che cresce anche al Sud. Ne e’ un esempio l’azienda agricola Montevetrano a San Cipriano Picentino (Salerno) guidata da Silvia Imparato dove si produce l’omonimo vino affermatosi sui principali mercati internazionali. A visitare i filari che affacciano sulla costiera amalfitana giungono anche enoappassionati del Sol Levante “e alla fine – racconta Imparato all’ANSA – mi salutano dicendo “Ci verimm ampress”, in perfetto dialetto salernitano”.

A fondare l’azienda erano stati i nonni di Silvia, che all’inizio aveva scelto un’altra strada professionale, diventando un’affermata fotografa. Poi la scelta di dedicarsi al vino e iniziare l’avventura di produttrice insieme a un amico d’eccezione, l’enologo Riccardo Cotarella, ancora oggi al suo fianco insieme a uno staff di fedelissimi. Nel 1995 il Montevetrano diventa una ‘celebrity’ enologica, grazie al noto wine writer Rober Parker che lo definisce “il Sassicaia del Sud”. Il Montevetrano è un blend di Cabernet Sauvignon, Merlot e Aglianico, oggi prodotto in circa 30.000 bottiglie l’anno vendute dalla Germania al Giappone, con un rapporto quasi diretto con i clienti. Un rapporto senza intermediari, a cui Silvia Imparato tiene moltissimo:

“Una volta c’erano gli agenti, che erano gli interlocutori con il mercato. Oggi noi siamo molto più vicini ai consumatori rispetto al passato. Siamo attenti alle loro domande, alle loro critiche, al loro pensiero. Il motore più importante sono i clienti fedeli, quelli che ti conoscono e ti seguono da sempre. Avere a che fare con loro significa avere un punto di riferimento che si muove con il convincimento della tua qualità. La qualità ci mette più tempo ad arrivare, però rimane”.

Fondamentale, da questo punto di vista – osserva Imparato – è stata la diffusione della cultura del vino e la crescita dell’informazione anche grazie all’attività di associazioni come Ais, l’Associazione italiana dei sommelier: “L’informazione è una possibilità di conoscenza” afferma, dice l’imprenditrice protagonista a Viterbo di una ‘Vertical show’ dei suoi vini organizzata dalla delegazione locale dell’Ais Lazio. Imparato conclude con un accenno al suo primo amore, la fotografia: “C’è sicuramente uno sguardo simile tra fotografia e vino – osserva – Questo è quello che mi colpisce in ogni cosa, nelle persone ma anche nel vino e nelle annate”.

Fonte ANSA

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.