Assenteismo di massa, nei guai anche tre salernitani / VIDEO

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Invece di lavorare in ospedale andavano a giocare a tennis, a lavorare come chef in ristorante e, addirittura, a clonare schede per la pay-tv: blitz dei carabinieri del Nas contro i furbetti del cartellino, nell’ospedale Loreto Mare di Napoli, nosocomio di “frontiera” e con numerose eccellenze svilite dal comportamento truffaldino di 55 dipendenti, tutti finiti ai domiciliari.

Un numero cospicuo di assenteisti che ha costretto il giudice a disporre per 50 di loro anche l’obbligo di andare al lavoro, sotto il controllo dei militari dell’Arma. Una soluzione proposta dalla Procura di Napoli e condivisa dal gip per evitare, come ha sottolineato il procuratore reggente Nunzio Fragliasso, “sensibili disagi agli utenti”.

Complessivamente sono indagate 94 persone, praticamente un terzo dei dipendenti del nosocomio. In serata la Asl Napoli 1 ha annunciato provvedimenti di sospensione, con dimezzamento dello stipendio, per cinque dipendenti: quelli per i quali, considerata la maggiore gravità degli addebiti, il gip non ha previsto il rientro coatto al lavoro. Per gli altri, le carte vanno all’ufficio disciplinare.

Per il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, la vicenda rappresenta “una pagina vergognosa che fa male al cuore e alla dignità di questa città”. Il primo cittadino auspica “provvedimenti forti” contro comportamenti “indecenti, immorali”: il Comune si costituirà parte civile nell’eventuale processo.

“Saremo inflessibili contro chi non fa il proprio dovere”, assicura il governatore Vincenzo De Luca. “Il governo – sottolinea il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin – è impegnato in prima linea contro i professionisti dell’assenteismo, e molto sta facendo su questo fronte come dimostra il decreto Madia. In difesa dei pazienti il ministero della Salute, assieme ai Nas, è determinato nel proseguire controlli per difendere la sanità pubblica, dalla parte di chi sta male e ha diritto a ricevere le cure”.

Le misure cautelari sono state emesse nei confronti di un neurologo, un ginecologo (ma i medici indagati sono 6), 9 tecnici di radiologia, 18 infermieri professionali, 6 impiegati amministrativi, 9 tecnici manutentori e 10 operatori sociosanitari. Tra questi anche alcuni sindacalisti di Cgil, Cisl e Uil, che – secondo fonti interne dell’ospedale – sarebbero stati coinvolti nella gestione dei badge marcati abusivamente.

Due operatori sociosanitari custodivano 20 badge che usavano per far risultare presenti dipendenti i quali, per tenerli in allerta, inviavamo loro messaggi via telefono cellulare. In sostanz, c’erano assenteismi praticamente in tutti i reparti del Loreto Mare, finanche in quello, delicatissimo, di terapia intensiva.

Il procuratore aggiunto Alfonso D’Avino, nel corso della conferenza stampa in Procura, li ha definiti “Professionisti, ma del cartellino”: nel giro di tre mesi, due indagati hanno “strisciato” il badge rispettivamente 443 e 493 volte. Quasi un record. Oltre agli arresti domiciliari, il gip ha anche deciso di sequestrare le indennità percepite da tre radiologi per la cosiddetta “prestazione lavorativa esclusiva”, circa 300mila euro: in realtà, è emerso dalle indagini, svolgevano doppio e triplo lavoro e quindi non ne avevano diritto. Tra i casi più eclatanti figura quello di un cosiddetto ‘controllore’ – dipendente dell’ufficio Prass (Presenze/Assenze) – che invece di tenere d’occhio i colleghi se ne andava a fare lo chef in un ristorante del Napoletano.

Gli arresti, ieri mattina, sono stati eseguiti da ben 270 carabinieri. Nel corso di due anni hanno registrato ore e ore di filmati (grazie a telecamere sistemate nei pressi dei sistemi marcatempo) e tantissime intercettazioni: svolti circa 500 servizi di osservazione oltre che moltissimi pedinamenti, hanno ricordato in conferenza stampa il tenente colonnello Vincenzo Maresca e il maggiore Gennaro Tiano, del Nas.

Ci sono anche tre salernitani tra gli arrestati nell’operazione antiassenteismo al Loreto Mare, e altri tre sono stati iscritti nel registro degli indagati ma senza che siano state adottate nei loro confronti misure cautelare. Ai domiciliari sono finiti I. C., nata a Boscotrecase ma residente a Scafati, che riveste il ruolo di coadiutore amministrativo nell’ufficio Economato; L. R., originaria di Angri e residente a Torre Del Greco, infermiera al pronto soccorso; e G. V., nato a Sant’Antonio Abate ma trasferitosi ad Angri, che nell’ospedale travolto dallo scandalo lavora con la qualifica di conduttore di caldaia, in organico all’ufficio tecnico del plesso ospedaliero.

Indagati sono inoltre F. C., originario di Torre Del Greco ma adesso residente a Scafati, che al Loreto Mare lavora come coadiutore amministrativo nella Direzione sanitaria, e due nocerini: E. S. infermiere del reparto di chirurgia generale e G. M.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Uh, adesso i medici e gli infermieri non sono più EROI?? Avete visto che sono una massa di fannulloni sfaticati? Quando qualcuno li voleva licenziare vi siete schierati dalla loro parte, ebbene che l’Italia lo sappia che la maggior parte di queste persone sono sfaticati e pure impreparati, se confrontate un infermiere del Sud Italia con uno del Nord vedrete vedrete nette differenze di preparazione professionali e pure di forme fisiche, quelle del Sud Italia quasi sempre in sovrappeso

  2. Caro Nunzio tu ti perdi , vedi che quel qualcuno poi ha ritrattato quello che ha detto per cui non ti esporre a brutte figure. Ce la prendiamo tutti con i dipendenti assenteisti (per carità hanno sbagliato e devono pagare non solo col licenzAMENTO) MA PERCHè LA MAGISTRATURA NON ARRESTA ANCHE TUTTI QUEI DEPUTATI E SENATORI CHE FANNO LA STESSA COSA? PERCHè LA LEGGE NON è UGUALE PER TUTTI IN QUESTO PAESE? E QUESTA ME LA CHIAMATE DEMOCRAZIA? NOI SIAMO DATORI DI LAVORO DI QUESTE PERSONE E QUINDI ANCHE LORO DEVONO ESSERE ARRESTATI PER IL LORO ASSENTEIMO. VIA L’IPOCRISIA.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.