Camorra: il boss della Piana del Sele trovato morto in carcere

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Sarà l’autopsia a chiarire le cause della morte del il boss Bruno Noschese, 60 anni di Battipaglia. Il capo indiscusso della camorra della Piana del Sele appartenente al clan Giffoni, è stato trovato morto venerdì mattina in una cella del carcere di massima sicurezza di Sulmona. Secondo una prima ipotesi il boss sarebbe stato stroncato da un infarto. Sul decesso è stata aperta un’inchiesta da parte della magistratura che ha, appunto, disposto l’esame autoptico.

Noschese, infatti, non aveva mai accusato problemi di salute; o almeno così gravi da determinarne la morte. Ecco il motivo per cui il magistrato di turno della Procura di Sulmona ha disposto l’autopsia Noschese da circa tre anni non era più al regime del 41bis, anche grazie ad un pronunciamento della Cassazione che aveva annullato – per un problema tecnico-giuridico legato all’estradizione dalla Spagna dove era stato per diversi mesi latitante – la condanna definitiva all’ergastolo, tramutandola in 21 anni di reclusione.

Noschese, per una  macabra coincidenza, è morto un anno dopo e quasi nello stesso giorno del decesso del figlio Felice avvenuto 27 febbraio 2016. Felice Noschese venne rinvenuto ugualmente morto in casa. In quel caso, venne ipotizzato un’overdose. Proprio in questi giorni a Battipaglia sono apparsi i manifesti della messa in suffragio per Felice. Adesso, sul corpo del boss sarà eseguito l’esame autoptico per stabilire con precisione le cause del decesso.

La notizia è giunta intorno alle 9 di ieri a Battipaglia. E in via Garibaldi, alle spalle di piazza della Madonnina, dove vivono i suoi familiari, è iniziato da subito un via vai di persone. Visite di condoglianze, un omaggio alla memoria del boss. Un segno di riverenza che non è passato inosservato alle forze dell’ordine che, con discrezione, hanno monitorato le presenze. Il legale di fiducia di Noschese, Paolo Vocca, si è messo in contatto col carcere di Sulmona e con le autorità competenti per ottenere la consegna della salma per la celebrazione dei funerali, a Battipaglia.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.