Attacco bloccato, ecco perchè la Salernitana non segna più

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
Tre gol nelle ultime sei giornate, quelle che coincidono con l’inizio del girone di ritorno: il bottino dell’attacco della Salernitana è magro. Il reparto avanzato segna con il contagocce in questa seconda parte del torneo, in cui gli attaccanti sono a secco da diverse giornate. Dall’inizio del girone di ritorno i granata sono andati a segno fin qui solo nelle gare casalinghe contro Spezia e Cesena e nella trasferta di Vicenza. L’unico gol firmato da un attaccante è quello di Coda nella prima di ritorno all’Arechi con la formazione di Di Carlo.

Per il resto, le altre due reti portano la firma dei centrocampisti Busellato (autore del gol da tre punti in Veneto) e Minala (a segno nell’ultima sfida giocata all’Arechi). Le punte granata sono quindi a secco da cinque giornate. Eppure di soluzioni offensive ne sono state alternate diverse.

A Trapani, dopo quattro gare di assenza dalla formazione di partenza, Donnarumma è tornato titolare al fianco di Coda. Non accadeva dalla partita con lo Spezia, quando Rosina, per problemi fisici, era rimasto inizialmente in panchina per poi subentrare all’ex del Teramo. Da allora, l’attaccante torrese, in parte anche per i fastidi al polpaccio, è stato impiegato col contagocce e Bollini ha sperimentato sempre varie soluzioni offensive.

Da Rosina avanzato a supporto di Coda, impiegato come unica punta, al tridente con Improta e l’ex del Bari esterni, fino a tornare alle origini, alla coppia formata da Donnarumma e l’ex del Parma con conseguente esclusione del fantasista calabrese.

Variando pedine e posizioni, il risultato non è cambiato. Il reparto offensivo che doveva e può rappresentare ancora il fiore all’occhiello di questa squadra ha fatto registrare una preoccupante inversione di tendenza. Nel girone di andata, chiuso con 26 reti in 21 partite la Salernitana ha viaggiato con una media di 1,23 a gara in termini di gol segnati. In quello di ritorno, almeno dopo le prime 6 partite, si ritrova ad una media di 0,5. Urge un cambio di rotta e per ottenerlo occorre sfruttare il potenziale offensivo che ha fatto e fa gola a parecchi club di serie B e non solo.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. Coda è una mezza sega e Donnarumma non gioca, e quando lo fa è demotivato….ecco il perché. Se ci aggiungi che Rosina è un ex giocatore e il centrocampo è da bassa lega pro, si capisce anche il perché della classifica.

  2. Occorre assolutamente pretendere l’allontanamento di Fabiani! Sono pienamente d’accordo. Via Fabiani:

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.