Lutto granata, è morto Enrico Alberti. Aveva 73 anni

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Lutto nel mondo del calcio e degli ex granata. Stamattina presto a Pescara è infatti venuto a mancare Enrico Alberti, ex difensore e direttore sportivo della Salernitana.

IL CORDOGLIO DELLA SALERNITANA. L’U.S. Salernitana 1919, la Proprietà, i dirigenti, i giocatori, lo staff e la Salerno sportiva tutta si stringono attorno al dolore che ha colpito la famiglia Alberti per la scomparsa del caro Enrico, difensore granata negli anni ’60 ed ex direttore sportivo della Salernitana.

CHI ERA ALBERTI. Enrico Alberti, nato a Bergamo il 29 gennaio del 1944, aveva 73 anni. Lascia la moglie Drusiana e due figli, Alessandro agente Fifa, e Mario. Da calciatore, Alberti iniziò nelle giovanili del Milan con Liedholm allenatore come centrocampista, e poi si trasformò in libero.

Disputò il primo campionato in serie C nel 63-64 con il Chieti di Tom Rosati che sfiorò la promozione in B, persa all’ultima giornata. Con lo stesso Rosati, due anni dopo (campionato 1965-66), conquistò la serie cadetta con la maglia della Salernitana. Era la squadra di Piccoli, Prati, Cominato, Rosati, Scarnicci, Sestili ecc…A Salerno tra il 1965 e il 1968, ha disputato 93 partite ufficiali.


Da Direttore Sportivo, dopo gli esordi a Treviso dove in panchina c’era Gigi Radice, (il calcio che proponeva era ultramoderno per quei tempi, come avrebbero poi scoperto tutti quando vinse lo scudetto col Torino di Sala, Pulici e Graziani) fu il protagonista delle straordinarie stagioni della serie A con Galeone durante la presidenza Scibilia. Costruì, assieme al tecnico friulano, la squadra che centrò la promozione in serie A nell’87, e nella successiva sessione di mercato centrò il più importante acquisto del calciomercato del Pescara, quello di Leo Junior. Si stabilì in città dove rimase anche quando interruppe la sua collaborazione con il Pescara. Prima di Pescare fu Ds anche della Salernitana nel 1984.

Tornò al Vestuti da dirigente nell’estate del 1988, quella dell’arrivo a Salerno di Agostino Di Bartolomei che fu contattato dall’allora patron Soglia prima dell’ingaggio come ds proprio di Alberti, che portò in granata i vari Della Pietra, Pecoraro (un ritorno), Zennaro, Romiti e il tecnico Carlo Soldo. Poi fu DS del Venezia, ma il feeling con Zamparini ed il tecnico Catuzzi non fu mai rosero. Aveva preso Lombardo dal Pergocrema (che poi andò alla Sampdoria dove vinse lo scudetto con Vialli e Mancini) ma il patron veneto non volle riscattarlo.

Approdò al Bari dove per 15 anni collaborò con la famiglia Matarrese e con Carlo Regalia. Fu un periodo importante per il Bari che viaggiava tra serie A e B. Nella città pugliese arrivarono calciatori come Enninaya, Annoni, Gautieri, Protti, Ventola, Amoruso, Joao Paulo e poi la felice scoperta di un certo Antonio Cassano.


Nella storia del calcio pescarese resterà legato anche all’episodio di Arezzo, nella stagione della promozione in A, quando alla penultima di campionato, i tifosi del Pescara bersagliato dai torti dell’arbitro Mattei, stavano per mettere in atto un’invasione di campo. Fu Alberti, scattato dalla panchina ad evitare il peggio, a convincere i tifosi e a riportare la calma. Tre minuti dopo giunse il gol di Benini, fondamentale per il ritorno in A dei biancazzurri.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.