Clima: Venezia sott’acqua entro il 2100, Adriatico +140 cm

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
Venezia e le città costiere del nord Adriatico, da Trieste a Ravenna, potrebbero sparire inghiottite dal mare entro fine secolo a causa di una brusca accelerazione nell’innalzamento del Mediterraneo. In Italia sono 33 le aree a rischio e sul versante ovest sono minacciate le coste della Versilia, di Fiumicino, le Piane Pontina e di Fondi, del Sele e del Volturno, di Catania e quelle di Cagliari e Oristano.

Se negli ultimi mille anni il Mediterraneo si è innalzato solo di 30 centimetri nei prossimi cento anni si stima una crescita di tre volte tanto con il Nord Adriatico che si innalzerà sino a 140 centimetri. Un’accelerazione che la scienza imputa al cambiamento climatico provocato dall’aumento della concentrazione di CO2 in atmosfera. L’innalzamento più che triplo del Mediterraneo nei prossimi 100 anni era stato previsto dal gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico delle Nazioni Unite (Ipcc), che ha stimato l’aumento del mare nel mondo tra i 60 e i 95 centimetri entro il 2100.

Ma ora i valori sembrano più precisi alla luce uno studio internazionale sulle variazioni del livello del Mediterraneo coordinato dall’Enea e realizzato insieme a colleghi dell’Ingv e delle Università di Roma ‘La Sapienza’, Bari ‘Aldo Moro’, Lecce, Catania, Haifa (Israele), Parigi e Marsiglia (Francia).

La ricerca, pubblicata sulla rivista scientifica Quaternary International, “ha preso in esame l’innalzamento del nostro mare in un arco temporale mai studiato prima”, spiega Fabrizio Antonioli del Laboratorio Modellistica Climatica e Impatti dell’Enea. “In mille anni – aggiunge – il Mediterraneo è aumentato da un minimo di 6 a un massimo di 33 centimetri, un livello inferiore del 65% rispetto alle più recenti proiezioni dell’Ipcc”.

Si tratta, spiega il ricercatore, “di un’evidente accelerazione, dovuta principalmente al cambiamento climatico causato dall’aumento della concentrazione di CO2 in atmosfera, che negli ultimi quattro anni ha superato in modo stabile il valore di 400 ppm (parti per milione), un livello mai toccato sulla Terra negli ultimi 23 milioni di anni”.

Il team di ricerca ha esaminato 13 siti archeologici sulle coste di Italia, Spagna, Francia, Grecia e Israele, dove venivano estratte le mole olearie, cioè grosse pietre utilizzate per la macinazione delle olive. L’aumento più elevato è stato riscontrato vicino ad Atene, mentre il più basso è stato misurato nell’isola spagnola di Maiorca.

In Italia l’indagine si è concentrata in tre aree del sud – Scario (Salerno), Torre Santa Sabina, vicino Otranto (Lecce) e Punta Penne (Brindisi) – dove il livello del mare si è innalzato di circa 15 centimetri negli ultimi mille anni. Senza una riduzione globale dei gas a effetto serra, le principali città costiere europee pagheranno un conto salato, secondo un altro studio pubblicato sulla rivista Frontiers. Fra le 19 città esaminate c’è Napoli per cui sono stimati danni annuali per 10 milioni di dollari al 2030, che salgono a 52 nel 2050, a 128 nel 2070 e a 290 milioni a fine secolo.

Fonte ANSA

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. numeri in libertà, ora non ho tempo di scrivere oltre, ma per esempio, come calcolano i 10mln di “danni”(??!?) a Napoli entro il 2030 (??!), e poi arrivano pure a preveder il futuro al 2100! Ultima nota: l’innalzamento del co2 per quale motivo non è accompagnato da un beneficio da parte delle piante, visto che ne è il principale nutrimento tramite la fotosintesi?!?

  2. secondo i dati in nostro possesso,mentre il signor giovanni prevede che l’acqua salirà al terzo piano del nostro mitico crescent, secondo i nostri dati che sono certificati, il cervello di giovanni già adesso senza aspettare il 2100 fa già acqua da tutte le parti.

  3. scorrendo i titoli di anni fa ricordo ad esempio un “2001 odissea nello spazio”, ma al 2017 stiamo ancora all’Iliade! poi cose tipo “entro il 2000 niente più petrolio”.. ma al 2017 mi pare che ci sia ancora. Questi scienziati sono da capire..
    1.sono male interpretati i loro studi
    2.sono sbagliati i loro studi
    3.viene data, da chi gestisce la stampa nel mondo, una importanza SOLO ad alcuni studi, tralasciandone altri
    (a tal proposito ho visto alcuni studi riguardo i ghiacci antartici in notevole aumento, mentre da noi vengono sbandierati solo quelli sui ghiacci artici)

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.