Tassa igiene ambiente: per cassazione IVA non è dovuta

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
La partita dell’Iva non dovuta sulla Tassa per l’igiene ambientale al Comune di Salerno potrebbe costare fino a 25 milioni, se è vero che l’ammontare dell’importo annuo incassato negli ultimi dieci anni ammonta a non più di 2,5 milioni e se si considera che dal computo vanno escluse comunque le aziende, che l’Iva la scaricano. La notizia- data ieri dal consigliere comunale di Forza Italia Giuseppe Zitarosa- si fonda sulla sentenza n.5078/2016 della Corte di Cassazione, che a Sezioni Unite Civili ha stabilito che la TIA (Tassa igiene ambientale) è un’imposta e non un’entrata patrimoniale di diritto privato, essendo una mera variante della TARSU (la tassa sui rifiuti solidi urbani) di cui conserva la qualifica di tributo.

Pertanto, la Tia non può essere soggetta ad IVA, risultando incompatibile sia con le norme nazionali che con quelle comunitarie. E poiché l’intero costo del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti è posto a carico del contribuente, sicuramente quest’ultimo ha pagato e paga la relativa imposta sul valore aggiunto. E’ per questo che il consigliere Zitarosa ha chiesto ai vertici dell’amministrazione comunale se non sia il caso di cominciare a fare i conti su quanta IVA sia stata pagata dai contribuenti salernitani in modo che quest’ultimi possano chiederne il rimborso.

In realtà, la sentenza della Cassazione non fa altro che ribadire precedenti pronunce (l’ultima del 2012) cui però non ha mai fatto seguito una legge che potesse chiarire la natura tributaria o meno della tassa sull’igiene ambientale. Di fatto, l’ultima pronuncia delle sezioni unite non fa che riportare alla ribalta una questione mai risolta e che tale rimane, tanto più che la sentenza nasce da un caso di specie e a questo va circoscritto. Rimane necessario un intervento normativo che illustri i meccanismi da seguire per evitare una situazione caotica che non può ribaltarsi ancora una volta nei piani finanziari dei Comuni.

Fonte LIRATV

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. il Comune di Salerno non ha mai applicato la TIA ma prima la TARSU, poi la TARES e infine la TARI. Pertanto non ha mai applicato l’IVA sulla tassa relativa allo smaltimento e nulla deve essere restituito

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.