Donne e lavoro, tra disuguaglianze e negligenze (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Le donne son state colpite di meno dalla crisi, ma ciò dipende anche dal fatto che per loro c’era già meno lavoro, meno spazio, in particolare nei settori messi a dura prova, quali l’edilizia o l’industria.

La occupazione al femminile secondo l’Istat è in aumento, ma peggiora la qualità del lavoro. C’è poi l’obiettivo richiesto dall’Europa, non ancora raggiunto: almeno il 50% di occupate.

Sono le donne a sperimentare più degli uomini la precarietà, ad avere delle retribuzioni inferiori alla media. Studiano, si laureano, tuttavia poi l’impiego, se e quando arriva, sovente non ripaga meriti ed aspettative. Le disuguaglianze, quindi, sussistono e in taluni casi, si sono acuite con le difficoltà della contingenza.

Quelle con meno di 25 anni, sono coloro che incontrano maggiori ostacoli. Per esse è più complicato entrare nel mondo del lavoro e quando ci riescono, spesso l’occupazione risulta iniqua ed è pure più facile che si possa perdere.

Una precarietà la quale non di rado costringe a rimandare o addirittura rinunciare ai propri progetti di vita. Un figlio che arriva continua a costituire un rischio per il futuro occupazionale, anche perché è sempre più complicato conciliare gli impegni in famiglia. Siamo primi nel cosiddetto part-time involontario, ovvero quello non richiesto, ma imposto dal datore di lavoro per risparmiare sui costi; praticamente doppio rispetto al resto d’Europa. Chi invece vorrebbe il part-time, spesso non lo ottiene. Ed allora, si impone la scelta tra carriera e famiglia.

Non è dunque soltanto una mera e fredda questione di numeri, ma di cultura e civiltà e, direi, soprattutto di coraggio e volontà. I passi in avanti compiuti negli ultimi anni non sono stati evidentemente bastevoli a colmare gap ancora ingiustificabili ed a bilanciare il rapporto donna-uomo sul versante delle pari opportunità e della meritocrazia, nonché nei luoghi della rappresentanza democratica in cui è purtroppo una norma ispirata da principii “aritmetici” (quote rosa) a salvaguardare la presenza femminile. Tuttavia, il pericolo è che una interpretazione strumentale e distorta dello status quo potrebbe favorire, se non addirittura acuire, una guerra fra poveri i cui effetti cagionerebbero pericolosi danni per tutti.

Riconoscere, a prescindere, i diritti e rispettare la dignità di ciascuno è il pilastro di una convivenza civile e rappresenta il fondamento su cui strutturare una organizzazione sociale nella quale nessuno, per alcuna ragione, debba doversi sentire discriminato o peggio, cittadino di serie B.

Il cammino da fare è ancora lungo.

editoriale a cura di Tony Ardito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.