Cancro: un test del sangue indica la presenza del tumore

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Un test del sangue per il cancro capace di individuare non solo la presenza di un tumore, ma anche quale organo sia coinvolto. L’esame è stato messo a punto all’Università della California, che ha scoperto modelli di DNA per 10 differenti tipi di tessuti, tra cui quelli del fegato, dei polmoni e dei reni. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Nature Genetics.

Vera e propria svolta 

Finora la biopsia liquida era in grado di rilevare le tracce di DNA rilasciato dalla cellule tumorali nei pazienti con cancro, ma non riusciva a localizzarlo.

In futuro chi manifesterà alcuni sintomi, come ad esempio gonfiore, perdita improvvisa di peso, potrà ricevere una diagnosi positiva o negativa con un semplice esame del sangue e non attraverso una biopsia, che è un test molto più invasivo.

Individuati i marker di 10 organi 

I ricercatori americani hanno analizzato campioni di tumori e campioni di sangue prelevato da pazienti con cancro per cercare nel sangue i marker dei differenti organi. Hanno poi creato un database per il fegato, l’intestino, il colon, il polmone, il cervello, il rene, il pancreas, la milza, lo stomaco e il sangue.

Quando le cellule tumorali uccidono le cellule sane lasciano una traccia nel DNA 

Quando una neoplasia si sviluppa, inizia a competere con le cellule normali per quanto riguarda nutrienti e spazio vitale e, per questo, diffondendosi, le uccide. Nel momento in cui le cellule muoiono, rilasciano il loro DNA specifico nel sangue, e i ricercatori hanno utilizzato questo DNA per identificare il tessuto interessato dal cancro.

Il parere dell’esperto 

«Abbiamo fatto questa scoperta per caso – spiega Kun Zhang, primo autore dello studio e professore di bioingegneria – Stavamo portando avanti l’approccio convenzionale ed eravamo solo in cerca di segnali provenienti da cellule tumorali. Ma in questo modo abbiamo individuato anche segnali provenienti da altre cellule. Ci siamo così resi conto che se integriamo entrambe le serie di segnali possiamo determinare la presenza di un tumore e il posto in cui sta crescendo».

Fonte ok-salute.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.