Vendita abusiva di mimose: blitz dei Vigili Urbani a Salerno

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
7
Stampa
Nell’ambito della attività di repressione della vendita abusiva di fiori, effettuata dal Comando di Polizia Municipale di Salerno in occasione della Festa della Donna, sono stati elevati cinque verbali ad ambulanti abusivi (un sesto è scappato al momento del controllo), con conseguenti sei sequestri della merce. Inoltre, è stato elevato un verbale anche ad un ambulante che vendeva frutta senza le idonee licenze.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

7 COMMENTI

  1. E dai… e mo il problema sono i venditori di mimose…………………….. e i parcheggiatori abusivi invece li lasciamo stare? Ma fatemi il piacere!!!

  2. La mia piena solidarieta a tutte le persone oneste che per dare da vivere alle proprie famiglie si danno da fare con le proprie capacità e poi vengono multati e sequestri, si dovrebbero aiutare e premiare a chi si da da fare per vivere onestamente esposti a tutti i rischi con le persone con il clima esempi pioggia, vento, freddo e sole, dovrebbero intervenire il sindaco e l’assessore alle politiche sociali , abbiamo un problema grande a Salerno con tutti i documenti come licenza , iscrizione camerale, pagamento INPS, assicurazioni e con pagamenti in regola come tosap e tari e il comune rigetta sempre le richieste di occupazione di suolo pubblico alle ditte individuali preciso con tutti i documenti in regola e poi dicono abusi per causa del comune diventano abusivi, siamo nati e cresciuti a Salerno e la nostra terra la amiamo, si sollecita il direttore del annona e l’assessore al commercio, lavoro non che ne ,facciamo lavorare chi a voglia di lavorare onestamente è con tutti i documenti in regola, entrerebero soldi anche al comune con il rilascio di occupazione di suolo pubblico e chi sarebbe lavoro anche per i piu giovani, sveglia amministrazione di Salerno stiamo al collasso, distinti saluti.

  3. i vigili sanzionano i venditori di mimose italiani mentre a lungomare e nei vicoli di salerno c’ è la vendita di tutto di più ad opera di gente extracomunitari ma state alla frutta ITALIANO SI E STRANIERO NO !!

  4. Dovevano essere extracomunitari abusivi,volevo vedere se i vigili li fermavano……ma sicuramente non li avrebbero visti,così come non riescono a vedere a tutti quelli che stanno sul corso e sul lungomare.

  5. Meglio gli immigrati che gli abusivi locali. Sono più simpatici ed educati e sopratutto non appartengono ai clan.
    Bravi i VVUU

  6. Alla Cittadella Giudiziaria tutti i giorni c’e’ un abusivo che vende alimenti (frutta) in barba a vigili urbani polizia guardia di finanza. Pochi giorni fa una pattuglia dei vigili era ferma sul marciapiedi opposto, 5 metri dall’abusivo, ma hanno fatto finta di nienteeeeeeeeeeeeee. Buffoni che siete!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.