Ritorno al Nazareno (di Angelo Giubileo)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Ormai il percorso, a grandi linee, pare delineato; a meno che non s’intenda condurre il governo (in senso generale) del paese allo sfascio, dopo averne tentato la forzatura.

In proposito, lo stesso Matteo Renzi ha infatti dichiarato ieri l’altro a Otto e mezzo, l’opportunità che in buona sostanza il governo-Gentiloni resti in carica fino al febbraio 2018 e quindi fino alla naturale scadenza della legislatura.

E allora occorrerebbe innanzitutto interrogarsi meglio sul senso della scissione operata dalla “ditta” Bersani&D’Alema, la cui motivazione prioritaria appare ora chiaramente disattesa dai fatti. Infatti, il punto di maggiore contrasto con la maggioranza del Pd era il sostegno politico alla maggioranza del governo-Gentiloni fino alla data precitata.

Ma, l’esito dello scontro è accaduto non più tardi di tre settimane fa e pertanto ora invece che di miopia, dovremmo parlare piuttosto di cecità politica dei fuoriusciti dal Pd.

Si potrebbe tuttavia obiettare che l’altro punto di grave contrasto tra la maggioranza e l’allora ex-minoranza del Pd sia stata la svolta maturata sulle date delle primarie per l’elezione del segretario e dello svolgimento della fase pre-congressuale e congressuale del partito; ma, anche in tal caso, l’uscita degli ora Mdp contrasta con la logica che vorrebbe e, ancor più oggi è così dimostrato, avrebbe voluto che la competizione politica si fosse svolta e – come viceversa accade con le proposte sia di Orlando che di Emiliano – si svolga all’interno (e non all’esterno o, peggio ancora, dall’esterno) del partito.

E quindi occorre discutere del fatto che in sole tre settimane lo scenario sia, come in effetti è, completamente cambiato. E direi, in parte rasserenatosi. Specificando, in merito all’azione del governo-Gentiloni, che non si tratti affatto di “una camomilla” data “a un malato terminale”, come per l’appunto sentenziato dal pentastellato Luigi Di Maio, quanto viceversa di un percorso – che si diceva – appare ora più rettilineo.

Tanto che, a tale ipotetico percorso, ieri si sono aggiunte altre tappe e quindi altre date. La prima: il 15 marzo a Palazzo Madama si discuterà e voterà la mozione individuale di sfiducia al ministro dello sport, Luca Lotti, per i fatti processuali emersi nelle indagini sugli appalti di Consip. Il voto, con o senza la presenza di FI e Mdp, appare senz’altro scontato; in quanto la maggioranza al Senato conta, tra Pd e forze genericamente di centro, su 199/320 voti a favore, a cui potrebbe anche aggiungersi il voto dei 42 senatori di FI e infine dei 14 di Mdp.

La mozione, pretesa a gran voce dal M5stelle, costituisce quindi il primo banco di prova – o un nuovo piatto d’argento servito dai pentastellati – per una nuova maggioranza di governo all’indomani dell’elezioni politiche del febbraio 2018.

Altri saranno fino ad allora gli appuntamenti politici – che segneranno per così dire il temporaneo presente e il futuro del governo che dovrà seguire -, come, tanto per citarne solo altri che da tempo già s’intravedono: la manovra correttiva dell’attuale governo di circa 3,5 miliardi, probabilmente dopo la data delle primarie citate del 30 aprile, e soprattutto la manovra di stabilità annuale in autunno, probabilmente dopo la data dell’altrettanto citato congresso.

Così è; e, mi sia concesso in forma d’ipotesi, così sembra anche in relazione all’opinione manifestata ieri dall’ex premier Enrico Letta, il quale sul voto di sfiducia al ministro Lotti ha dichiarato: “non userò mai nei confronti di Renzi il comportamento che lui ha usato con me”.Only time will tell. Questo e tutto il resto.

LA NOTA POLITICA di Angelo Giubileo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.