L’impoverimento degli stipendi di Tony Ardito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Dati dell’istat alla mano, a gennaio l’inflazione si è attestata all’1,0% mentre le retribuzioni contrattuali orarie sono salite dello 0,5% (su base annua).

Si riapre così una forbice tra carovita e buste paga, a svantaggio di quest’ultime, che non si vedeva da anni, per ritrovare una crescita dei prezzi superiore a quella dei salari bisogna tornare indietro di quasi quattro anni, a marzo 2013.

Dunque, i prezzi viaggiano a una velocità doppia rispetto agli stipendi, con tutto ciò che ne consegue in termini di perdita del potere d’acquisto.

Già a dicembre 2016 l’inflazione (+0,5%) aveva sorpassato le retribuzioni (+0,4%), ma per un solo decimale. Quanto ai mesi che verranno, per febbraio le stime sui prezzi sono già uscite e indicano un +1,5%. Un dato che fa pensare a un allargamento del divario.

Forse qualcosa potrebbe cambiare quando i metalmeccanici intascheranno gli aumenti previsti dal rinnovo firmato a fine novembre scorso.

Sul fronte prezzi invece la fiammata registrata a inizio anno potrebbe rientrare nei ranghi, visto che le attese di consumatori e imprenditori non indicano pressioni al rialzo, come riportato dallo stesso Istat nella nota mensile su febbraio.

Di certo, sulla dinamica delle retribuzioni pesa lo stop della contrattazione nel pubblico impiego, con circa 3 milioni di dipendenti interessati. Lo sblocco per gli statali sembra ormai solo questione di mesi, le trattative dovrebbero aprirsi in primavera ma per vedere gli effetti in busta paga ci vorrà ancora.

Ma cosa ne sarà del potere d’acquisto? ormai ci si era abituati a un percorso in crescita (+2,3% tra gennaio e settembre del 2016 in termini tendenziali) ma gli ultimi mesi non deputano più a favore della capacità di spesa.

Se i prezzi salgono più delle retribuzioni il reddito reale non potrà che scendere. Tuttavia la deflazione, in cui l’Italia era piombata, non era certo un ‘toccasana’ per l’economia, mentre la fase di assestamento su una dinamica positiva dei prezzi indica anche una ripresa del sistema.

I prezzi tornerebbero quindi osservati speciali; ovviamente, in caso di un eventuale aumento dell’Iva, cosa che sarebbe ancora tra le scelte possibili, anche se in ribasso del ministero dell’Economia. Secondo Confesercenti inciderebbe con un aumento di 305 € a famiglia e rallenterebbe i consumi.

Editoriale a cura di Tony Ardito – giornalista

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.