Sindaco Napoli a presentazione libro ‘Il mio nome è Meriam’ di Antonella Napoli

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Sabato 18 marzo, alle ore 11.00, nella sede del Comune di Salerno (Palazzo di Città, via Roma), si terrà la presentazione del libro “Il mio nome è Meriam” (Piemme) di Antonella Napoli. La presentazione sarà introdotta dal saluto del sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli. Dialoga con l’autrice il giornalista Peppe Iannicelli.

Il libro racconta la storia vera e drammatica di Meriam Ibrahim Ishag, una giovane donna sudanese di religione cristiana arrestata da un tribunale di Karthoum dopo una denuncia per apostasia. Incarcerata incinta con il figlio piccolo, Meriam sopporta le condizioni durissime del carcere per finire condannata a 100 frustate con l’accusa di adulterio per aver spostato un cristiano. Una storia di ordinaria violenza ai danni di giovani donne, spesso addirittura bambine, vittime della sharia.

Denunciata per apostasia

Incarcerata con il suo bambino

Condannata a cento frustate

e alla morte per impiccagione…

Una testimonianza di tenacia,

fede e amore che squarcia

le tenebre del fanatismo

 

Il suo caso ha tenuto milioni di persone con il fiato sospeso. Meriam Ibrahim Ishag, una giovane sudanese di religione cristiana, è stata arrestata da un tribunale di Karthoum dopo che un parente – un perfetto sconosciuto – l’aveva denunciata per apostasia. Incarcerata incinta con il figlio piccolo, in condizioni durissime, all’ottavo mese di gravidanza è stata condannata a cento frustate con l’accusa di adulterio per aver sposato un cristiano e alla morte per impiccagione per aver rifiutato di abiurare. In catene, Meriam ha dato alla luce sua figlia. Anche per quella bambina non ha abbassato lo sguardo. Anche per lei non ha smesso di lottare. E con lei ha lottato Antonella Napoli, la giornalista italiana che ha promosso la campagna per portare il caso all’attenzione del mondo. Ora racconta la sua storia. Una storia che non è solo la sua. Perché ci sono troppe bambine, ragazze, donne vittime della sharia, troppe Meriam, Malala, Hina, Sanaa, Asia, Sakineh. Oggi più che mai

 

Antonella Napoli Giornalista e scrittrice, collaboratrice di Vanity Fair, Limes e L’Huffington Post. Presidente dell’associazione “Italians for Darfur Onlus”, si occupa da anni di diritti umani, promuovendo campagne, eventi e iniziative istituzionali. È coordinatore per l’Italia della campagna internazionale Sudan 365. Unica giornalista italiana a raccogliere in Sudan le testimonianze delle donne vittime di stupro, utilizzato come arma di guerra, autrice del reportage Andata e ritorno dall’inferno del Darfur, ha ricevuto la Medaglia di Rappresentanza della Presidenza della Repubblica.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.