Salerno, Assemblea Anci: 23 mila i giovani amministratori dei comuni in Italia 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Sono 23.126 gli amministratori under 35 in carica nei Comuni italiani. In 496 ricoprono la carica di sindaco, mentre 733 sono vicesindaco. La maggior parte dei giovani amministratori ricopre il ruolo di consigliere comunale (17.934). Seguono gli assessori (3.735) e i presidenti di Consiglio comunale (228). Ottimo il livello di istruzione e occupazione: il 41,5% ha una laurea mentre il 50,7% un diploma di medie superiori. Il 23% è un libero professionista, il 20% impiegato. E tra gli assessori è raggiunta la parità tra i sessi, dato unico tra gli eletti ai vari livelli: è infatti donna il 50,3%, a fronte di un dato complessivo delle giovani amministratrici italiane che si attesta al 38,9%. E’ quanto emerge dalla ricerca che Anci presenta oggi per l’apertura a Salerno dell’assemblea annuale di Anci giovani che registra il record assoluto di amministratori partecipanti (al momento sono già 711) e che sarà presieduta dal coordinatore e sindaco di Pizzo Calabro Gianluca Callipo, accompagnato dal presidente dell’Anci Antonio Decaro, con la prevista partecipazione del ministro per il Mezzogiorno e la Coesione territoriale Claudio De Vincenti. L’indagine è stata realizzata analizzando dati 2016 di Istat e ministero dell’Interno. I NUMERI NAZIONALI: Dei 23.126 amministratori comunali ‘under 35’ (22% del totale), 4.193 si trovano in Lombardia che è la Regione con più giovani nelle amministrazioni municipali, segue il Piemonte (2.567) e chiude il podio la Sicilia (1.853). In Campania i giovani amministratori sono in tutto 1544. L’indagine Anci ha poi allargato la forbice prendendo a riferimento la generazione ‘under 40’ dei sindaci e qui il dato è ancora più incoraggiante: sono infatti 1.065 i primi cittadini fino ai quarant’anni che amministrano oltre 10 milioni di cittadini di città come Roma, Torino, Reggio Calabria, Perugia, Ravenna e Siracusa. Per quanto il sindaco più giovane in carica, è Tommaso Fiazza, 22 anni, primo cittadino di Fontevivo (Pr) mentre il più giovane amministratore è Gabriele Ferreli, 19 anni a maggio, eletto nel Consiglio comunale di Armungia (Ca). TRA GLI ASSESSORI LE DONNE CONTANO DI PIÙ: Gli amministratori ‘under 35’ hanno un primato: tra gli assessori è stata raggiunta la parità di genere, con una leggera prevalenza femminile. Il dato, praticamente unico nel panorama degli eletti ad ogni livello, ci dice che il 50,3% è donna contro il 49,7% dei colleghi uomini anche se le sindache sono ferme al 17,1%. Rispetto al totale delle donne amministratrici, tra gli ‘under 35’ il dato registra un buon 38,9% che però scende al 26,9% se si prendono in considerazione le amministratrici sopra i 36 anni. Ancora netto, quindi, il divario i numeri complessivi ci dicono che siamo al 70,5% uomini e al 29,5% per le donne. TITOLO DI STUDIO E LAVORO: Ottimo il livello di istruzione rispetto alla media degli italiani: il 41,5% dei primi ha una laurea (la media italiana è ferma al 10%) mentre il 50,7% un diploma di medie superiori (24,8% in Italia). Di contro i colleghi ‘over 35’ per il 19% si ferma alla scuola media inferiore e anche il dato dei laureati (34,3%) è molto inferiore ai colleghi giovani. Sul versante lavoro il 23% dei giovani amministratori è un libero professionista, il 20% impiegato nel privato. Anche tra i colleghi ‘anziani’ l’impiego principale è quello da libero professionista ma a differenza dei giovani il ruolo di impiegato si svolge in enti pubblici e non privati.

LA RAPPRESENTATIVITÀ NELLE REGIONI: La più alta rappresentatività di giovani amministratori si rileva al Sud (23,2%). La Calabria è in testa con il 27,2% del totale di amministratori ‘under 36’ che per il 36,1% sono presidenti di Consiglio comunale, per il 29,6% consigliere comunale, per il 28,9% assessore, per il 22,8% vicesindaco e per il 6,1% primo cittadino. Il maggior numero di giovani sindaci lo troviamo in Sardegna (10,7% del totale), segue l’Emilia Romagna (10,6): in queste due Regioni un sindaco su 10 ha meno di 36 anni. Uno sguardo poi alla localizzazione geografica. Dei 496 Comuni amministrati da altrettanti giovani amministratori, 268 (il 54%) sono localizzati nelle aree interne del Paese. Per quanto riguarda la popolazione i 496 sindaci amministrano 3,9 milioni di cittadini, il 6,6% del totale della popolazione italiana. I GIOVANI AMMINISTRATORI NEL TEMPO: Pur non aumentando (ma diminuendo lievemente dello 0,1%), la presenza dei giovani sindaci in Italia negli ultimi 15 anni rimane pressoché costante: erano 6,5% nel 2001, sono il 6,4% nel 2016. Un dato in flessione (-243) ma sempre in un trend costante anche quello relativo agli assessori. Nel 2001 erano il 19,9%, nel 2016 sono il 19,3%. I dati della ricerca Anci confermano quindi che la politica, anche negli enti locali, è questione per le fasce più anziane della popolazione. Gli amministratori ultrasessantenni che nel 2001 erano il 9,2% oggi arrivano a al 17,2%, i giovani (da 26 a 35 anni) sono il 19,5% del totale ma quindici anni fa la percentuale era del 21,3%. Una nota positiva però c’è: i giovani amministratori sotto i trent’anni sono 2.540, 199 in più di tre lustri fa.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.