Minorenni stuprarono ragazzina di 15 anni, ora tornano in libertà

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4

In dodici, tutti minorenni, un anno fa furono arrestati e finirono in comunità per avere stuprato e filmato ripetutamente una 15enne, costringendola a sottostare alle violenze del branco con la minaccia di diffondere i video hard realizzati in un bosco. Accadde a Pimonte, paese dei Monti Lattari.

Stamane il gup del Tribunale dei Minori di Napoli ha disposto un programma di riabilitazione per gli 11 ragazzi (uno di loro all’epoca era 13enne e quindi non imputabile). Già ai domiciliari dallo scorso 20 febbraio, ora sono destinati a tornare a scuola o lavorare (uno di loro ha raggiunto i 18 anni di età), svolgere attività sportive e di volontariato.

L’unica restrizione disposta dal giudice è di non avvicinare in alcun modo la vittima, ma di adoperarsi per ristabilire – mediante adeguati comportamenti e scuse – dei buoni rapporti con lei dalla quale devono ottenere il perdono. Per il resto, ultimati i compiti scolastici o lavorativi, quelli sportivi e di volontariato, potranno essere liberi di uscire e frequentare i propri amici in locali o in piazza.

Lo stupro di gruppo emerse quando i carabinieri avviarono (tra maggio e giugno del 2016) indagini sul branco che faceva girare da un telefonino all’altro i video della ragazzina di Pimonte ”ceduta” dal suo fidanzatino ai suoi amici.

La ragazza veniva costretta ad avere rapporti con tutti loro. Molti degli aguzzini risultarono appartenenti a famiglie oneste di operai e contadini. Bravi ragazzi in famiglia, ma che erano stati in qualche modo condizionati ad agire come dei bulli da tre capi-branco, cugini tra loro e legati da vincoli di parentela a pregiudicati locali.

Fu uno choc per tutto il paese che fece quadrato intorno alla famiglia della vittima, ma fu uno choc anche per le famiglie dei ragazzi colpevoli. A fare maggiore impressione fu il dettaglio per cui le violenze si consumavano in una delle capanne che a Natale ospitava il Presepe vivente.

Dopo la denuncia, la vittima è stata seguita da uno psicologo ed è tuttora affidata alle cure dei medici perché non è ancora riuscita a rasserenarsi. Tuttavia, per i danni subiti, le è stato riconosciuto un risarcimento economico che ognuna delle famiglie dei ragazzi colpevoli delle violenze pagherà per la propria parte.

Fonte ANSA

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. Ma ci ostiniamo ancora a chiamarla legge ?il codice penale è diventato il codice di barzellette .Vuoi vedere che se fanno i bravi e la ragazza non li perdona viene punita e additata?Perchè in Italia siamo bravi anche in questo.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

*

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.