La settimana più lunga di Lotito: comincia la battaglia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Mercoledì e sabato, due giorni importanti (ma forse non decisivi) per gli assetti futuri della Lega di A e B. Comincia la Lega maggiore, mercoledì: quarto tentativo. Arriverà finalmente la fumata bianca? Non è detto, in ballo c’è il nuovo statuto che divide ancora i club. Claudio Lotito spinge per eleggere almeno i due consiglieri federali, quindi se stesso, altrimenti lunedì a Coverciano la Lega maggiore non sarebbe rapresentata nella prima riunione del nuovo governo-Tavecchio.

E Lotito ci tiene tantissimo, non vuole assolutamente mollare quella poltrona. Non solo: fosse per lui, farebbe anche il vicepresidente vicario della Figc. Ma in una telefonata tempestosa il presidente Tavecchio gli ha tenuto testa, pur convalescente, e gli ha spiegato che non se ne parla nemmeno. Nel 2014 è stato deciso che quel ruolo non poteva andare ad un presidente di club (figuriamoci di due, come Lotito) e che lui, Tavecchio appunto, non ha assolutamente cambiato idea e non vuole cambiarla. I due vicepresidente saranno quindi Cosimo Sibilia e Renzo Ulivieri, e quello che prenderà più voti farà il vicario.

UEFA – Ma Lotito non è certo il tipo che si arrende facilmente: voleva anche entrare nell’esecutivo Uefa al posto di Giancarlo Abete, puntanto alla carica di vicepresidente europeo – scrive Repubblica.it – ma anche stavolta Tavecchio l’ha stoppato e la Figc, giustamente, ha indicato il nome di Michele Uva. Lotito domani punterà ad avere almeno 14 voti per restare consigliere federale, ma non è affatto detto che ce la faccia. Per la presidenza si fanno i nomi di Libertini, Simonelli e Cantamessa: probabile un rinvio più avanti.

VOTI – Il “lotitismo” comunque è come le invasioni barbariche, non si ferma davanti a nessuno: vanno anche riconosciuti però i meriti di Lotito, ha portato in alto la Lazio spendendo pochi soldi (troppo pochi secondo i tifosi laziali), è un grande conoscitore di norme e regolamenti, ha forti amicizie nella magistratura (ordinaria e sportiva). Se gli va male mercoledì con la A, il patron di Lazio-Salernitana proverà sabato con l’assemblea di B. Lui è pronto a fare il presidente fra promesse e millanterie. Ma è possibile che l’assemblea vada deserta, potrebbe mancare il numero legale.

E così a Coverciano, quando partirà il nuovo governo del pallone, A e B sarebbero assenti. Bella figura. Un’immagine “devastante”, sostengono al Coni ma coltivano anche con la speranza, o forse la convinzione, che “non tutto il male venga per nuocere”. Siamo arrivati davvero alla resa dei conti. Se qualcuno, adesso, vuole fermare Lotito, e le sue invasioni di campo, ha lo strumento più facile che c’è.

fonte cittaceleste.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.