Croce di San Liberatore, Adinolfi: «Riaccendiamola!»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
«L’Autorità Portuale di Salerno manterrà la propria autonomia finanziaria ed amministrativa fino al 31 dicembre.

Ci sarebbe il tempo per dare un segnale di attenzione alla comunità salernitana.
Rinnoviamo pubblicamente la richiesta di elargizione di un contributo per la riaccensione della Croce di San Liberatore. Ricordiamo che la Croce illuminata oltre ad essere un simbolo Cristiano è un simbolo identitario per tutti i salernitani. Esso è anche un elemento indicato nelle carte nautiche.
La sua accensione, quindi, contribuirebbe ad aumentare la sicurezza della navigazione perchè la Croce costituisce anche un punto di riferimento tradizionale per i pescatori salernitani e per chiunque va per mare.
Chiediamo ai consiglieri comunali di proporre un emendamento al bilancio preventivo di prossima approvazione per stanziare il contributo necessario all’associazione Luce del Liberatore.
Ricordiamo che le richieste al comune di Salerno, Cava de’ Tirreni e Vietri sul Mare nonchè la richiesta all’autorità portuale sono rimaste inevase ed alle stesse missive non è pervenuta nessuna risposta.
Le richieste, ricordiamo, sono state presentate dall’associazione Luce del Liberatore che si è costituita all’indomani dell’impegno assunto all’unanimità da tutto il Consiglio Comunale di Salerno su proposta del sottoscritto.
Facciamo presente che l’amministrazione comunale non si è presentata nemmeno all’incontro convocato dal proprietario del suolo: RFI
Nell’immobilità e nel silenzio delle istituzioni l’associazione Luce del Liberatore, dopo aver ottenuto la disponibilità del suolo ed in collaborazione con il Popolo della Famiglia, prosegue la sua raccolta fondi».
Lo scrive in una nota Raffaele Adinolfi, coordinatore regionale Popolo della Famiglia
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Forse non si ricorda che la croce di San Liberatore fu riaccesa non ricordo precisamente quanti anni fa, diciamo 10-15 anni fa. Ma bastava un temporale per guastarla di nuovo. Continuamente si guastava e veniva aggiustata. Quindi bisognerebbe fare un po’ di lavoro fatto ad arte. Poi speriamo che non si rubino i fili di rame che alimentano le luci. Mi sembra che questo anche contribuì a rimettere la croce luminosa nel dimenticatoio.

  2. Purtroppo la giunta comunale pensa solo ad interessi personali e familiari che alle cose della città. Basta uscire per strada per avere la risposta:

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.