Bracigliano, catturava Cardellini: blitz di Carabinieri, Enpa e Cabs

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa

Ennesimo colpo messo a segno dalla Protezione Animali di Salerno,Cabs e Carabinieri della Radiomobile di Mercato S. Severino diretti dal Cap. Alessandro Cisternino. Il blitz, scattato a seguito di alcuni servizi congiunti mirati a reprimere atti di bracconaggio, ha permesso di individuare un appezzamento di terreno in cui era stato costruito un impianto di cattura di Fringillidi.

Dopo alcuni appostamenti, in cui è stato possibile capire gli orari in cui il soggetto operava, quest’ultimo è stato sorpreso mentre azionava le reti per la cattura. Intorno alla rete, stesa sul terreno per mimetizzarla tra le piantine usate come esca, aveva sistemato alcune gabbiette contenenti esemplari di Cardellini, Verzellini e Lucherini ipoteticamente catturati in precedenza che dovevano fungere da richiami vivi.

Tra le piantine di Senecio e Ortiche, molto prelibate per le specie da catturare, aveva sistemato alcuni zimbelli, uccelli vivi imbragati e legati a delle cordicelle che il bracconiere tirava per strattonare gli zimbelli che effettuavano piccoli voli così da indurre i loro simili liberi ad “atterrare” nella trappola. Come se ciò non bastasse, per essere ancora più efficiente, aveva azionato un richiamo acustico riproducente il canto dei Fringillidi.

In un deposito per attrezzi situato nei pressi del nascondiglio usato dall’uomo per catturare avifauna, vi era una seconda rete ed altri richiami vivi. Il soggetto veniva deferito all’Autorità Giudiziaria per i reati di uccellagione, maltrattamento e detenzione illecita di fauna particolarmente protetta. Le reti, con annessi paletti e corde per azionarle, venivano sequestrati così come il richiamo acustico utilizzato.

Gli animali posto sotto sequestro venivano in parte liberati in luogo idoneo poiché frutto di recenti catture, in parte trasportati al CRAS di Napoli per le cure e la riabilitazione necessaria alla loro successiva liberazione.

“L’Enpa di Salerno – si legge in una nota – ringrazia il Cap. Cisternino ed i militari della Radiomobile per la professionalità ed il tempestivo intervento. Ricorda ai cittadini che le popolazioni di Cardellino sono in forte calo a causa della cattura e della detenzione illegale e che è doveroso segnalare casi di bracconaggio e detenzione di questi animali”.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.